• Calendario/Archivio

  • aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  
    ZFU: la verità oltre la propaganda

    Posted on sabato 14 aprile 2012

    La Zona FrancaUrbana è un aiuto fiscale per le piccole imprese. Consente di avere sgravi fiscali per nuove piccole aziende, oppure un sostegno finanziario sino a 200.000 euro (de minimis) per le imprese esistenti. Questo provvedimento deve essere autorizzato – dopo essere stato votato dal Parlamento italiano – dalla Comunità europea.

     LA ZONA FRANCA URBANA DELL’AQUILA

    •    L’idea di ZFU per L’Aquila nasce da una proposta fatta dai senatori del PD  Lusi, Legnini, Marini e inserita con un emendamento nella Legge 77 del 2009 (“Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 28 aprile 2009, n. 39, recante interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici nella regione Abruzzo nel mese di aprile 2009 e ulteriori interventi urgenti di protezione civile”).

    •    La proposta si basa sulla Legge 296 del 2006 (Finanziaria 2007) e successive modifiche mediantela Legge244 del 2007 (Finanziaria 2008). Tutte e due votate dall’allora deputato del PD Massimo Cialente. La 296/2006 e la 244/2007 istituisconola ZFUsul modello europeo francese e il cosiddetto “de minimis”, cioè 200.000 euro per le imprese già esistenti.

    •    Successivamente, il CIPE individua come ZFU – sulla base della proposta formulata da Giorgio De Matteis e votata dal Consiglio regionale dell’Abruzzo – l’intera area del Comune dell’Aquila.

    •    Dopo l’invio della documentazione richiesta dalla Commissione europea, De Matteis guida la delegazione della Regione Abruzzo, che a Bruxelles si incontra conla Direzionegenerale della Concorrenza, ottenendo il seguente risultato: potranno essere erogati fino a 200.000 euro sia alle piccole aziende già esistenti sia alle nuove.

    •    L’obiettivo raggiunto viene illustrato da De Matteis, nel corso dell’incontro svoltosi il 27 ottobre 2011, ai Capigruppo comunali, al Sindaco dell’Aquila e al Presidente del Consiglio comunale.

    •    Sia Cialente sia il Presidente Benedetti erano perfettamente a conoscenza dei risultati conseguiti, molto prima del viaggio da loro organizzato, insieme a altre 60 persone, a Bruxelles.

    •    Grazie al lavoro svolto nelle varie sedi istituzionali nazionali e europee, si è raggiunto un obiettivo significativo per il lavoro, l’occupazione e le attività produttive con l’art. 70 della Legge n. 27 del 24 marzo 2012 (“Conversione in legge con modificazioni del Decreto Legge n. 1 del 24.1.2012: disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività”), che stabilisce l’utilizzo dei 90 milioni di euro mediante un decreto applicativo, al quale provvederà il Ministro Barca di concerto con i Ministeri dell’Economia e dello Sviluppo economico.

    In sintesi:

        •   la ZFUè stata votata dai componenti del PD Lusi, Legnini e Marini;

        •    il cosidetto “de minimis” è stato votato nel 2007 dall’allora deputato PD, oggi Sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente;

        •    Lusi, Legnini, Marini e Cialente erano perfettamente a conoscenza di cosa erala ZFUe quali erano i percorsi amministrativi della Comunità europea;

        •    per 2 anni nessuno di loro si è mai occupato seriamente del problema, anzi il deputato europeo del PD, Debora Serracchiani, in una intervista al Fatto Quotidiano  del 20 ottobre 2011 ne parlava in termini negativi;

        •    pur avendo votatala ZFU, il PD da una parte se ne è disinteressato e dall’altra l’ha criticata;

        •    De Matteis ha preso su di sé, responsabilmente, l’onere di sostenere questa misura economica utile per L’Aquila quando nessuno del PD aveva interesse a sostenerla, portando a casa il risultato dei 90 milioni di euro che oggi (vedi art. 70 Legge 27/2012) dovranno costituire il primo baluardo di interventi sulle piccole imprese.


     

    MpL Comunicazione @ 16:42
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com