• Calendario/Archivio

  • novembre: 2019
    L M M G V S D
    « Ott    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  
    You Tube per il “no profit”

    Posted on domenica 30 giugno 2013

    YouTube porta in Italia “YouTube For Good”, una soluzione dedicata alle organizzazioni no profit, nata con l’obiettivo di valorizzare la loro presenza online, utilizzando le potenzialita’ offerte dalla Rete. “Funzionalita’ avanzate – spiega Google in una nota – un bottone che consente agli utenti di effettuare donazioni direttamente attraverso il canale YouTube, la possibilita’ di effettuare live streaming o di arricchire i video con annotazioni, sono alcune delle principali caratteristiche del progetto, che e’ completato da una guida su come utilizzare al meglio i video per le proprie campagne di comunicazione“.  Quella del non profit e’ una tra le categorie di YouTube in piu’ rapida ascesa: le organizzazioni generano piu’ di quattro miliardi di visualizzazioni di video, pari a una ogni due persone nel mondo; al Programma non profit di YouTube aderiscono gia’ oltre 20.000 organizzazioni.

    “E’ con grande soddisfazione che presentiamo in Italia “YouTube for Good”. Siamo tra i primi paesi nel mondo a disporre di questo programma dedicato al mondo del no profit”, ha dichiarato Simona Panseri, Direttore Comunicazione & Public Affairs di Google in Italia. “La nostra mission e’ quella di promuovere una cultura della diversita’ – ha spiegato Sergio Silvestre, Coordinatore Nazionale CoorDown -, far conoscere le potenzialita’ delle persone con sindrome di Down e promuovere la loro integrazione. YouTube For Good ci sembra uno strumento ideale”. “Quando parliamo di centinaia di migliaia di persone in fuga dalle proprie case per salvarsi da violenze, guerra e persecuzioni rischiamo di ridurre il dramma umano dei rifugiati a un numero, a mera statistica – ha sottolineato Laurens Jolles, delegato UNHCR per il Sud Europa – YouTube For Good ci dara’ l’opportunita’ di far comprendere meglio alla comunita’ in rete chi e’ il rifugiato e migliorare la percezione pubblica di chi, suo malgrado, e’ costretto a lasciare la propria casa lasciando tutto dietro di se’.”

    MpL Comunicazione @ 08:29
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *