• Calendario/Archivio

  • dicembre: 2020
    L M M G V S D
    « Nov    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
    Visco, considerazioni finali deludenti

    Posted on sabato 30 maggio 2020

    🎯Le Considerazioni finali del Governatore della Banca d’Italia cadono quest’anno in un momento di crisi eccezionale. Visco dice che il Pil sprofonderà nel 2020 tra il -9% e il -13%, con una ripresa lenta a partire dal 2021. Nei prossimi mesi si ridurrà drasticamente l’occupazione, crescerà il disagio sociale, aumenteranno i poveri e le diseguaglianze, moltissime famiglie non riesciranno a mantenere standard di vita accettabili. I consumi caleranno molto di più di quanto la crisi giustifica, questo perché le famiglie tenderanno ad essere prudenti e a rinviare le spese sull’onda dei timori sulle prospettive future.

    🎯Il Decreto Rilancio, pertanto, è insufficiente, occorre un piano organico di politica economica per uscire dal fosso. La ricetta è una sola: “rompere le inerzie del passato e recuperare una capacità di crescere che si è da troppo tempo appannata”. “Come il distanziamento sociale appiattisce la curva dei contagi senza eliminare il virus, così le misure di sostegno contribuiscono a diluire nel tempo e ad attutire le conseguenze della crisi senza eliminarne le cause”. La ricetta di Visco è assai tradizionale e più volte ripetuta negli anni: “L’economia italiana deve trovare la forza di rompere le inerzie del passato e recuperare una capacità di crescere che si è da troppo tempo appannata”. Manca un progetto Paese insomma, ma questo lo sapevamo perché manca da decenni.

    🎯Ed ecco le solite riforme. Tutte cose giuste, se ne parla da trenta anni, ma evidentemente non si vogliono fare: pubblica amministrazione, riforma fiscale, infrastrutture, ricerca, università. L’Italia ha il motore imballato, è un paese sempre in ritardo. Il governatore fa un esempio che spiega bene quanto siamo distanti dai migliori: “La rete fissa a banda larga copre meno di un quarto delle famiglie, contro il 60 per cento della media europea”.

    🎯Ma i ritardi non sono soltanto sulla banda larga. La Pubblica amministrazione è un dramma, il sistema scolastico, dell’università e della ricerca sono affetti da problemi atavici. Lo Stato investe nelle università appena €8MLD, la metà in rapporto al Pil di quanto fanno i Paesi europei. Serve pure “un profondo ripensamento della struttura della tassazione”. Le tasse sono troppo pesanti, anche perché pesante è il peso dell’evasione fiscale e dell’economia sommersa.

    🎯E poi un monito sui miliardi che arriveranno da Bruxelles, sui quali si è diffusa l’illusione che siano quasi gratis. Nulla è gratis. I fondi europei, raccomanda Visco, “non potranno mai essere gratuiti perché il debito europeo è di tutti”. Per questo ogni Paese deve utilizzare le risorse “con pragmatismo, trasparenza e, soprattutto in maniera efficiente”.

    🎯🎯Cosa dire delle Considerazioni finali di Visco? Tanta delusione. La solita retorica dei sacrifici alla Fornero maniera, la solita litania sulle riforme strutturali che non si faranno mai, la solita genuflessione al dogma europeo considerato un valore in sé senza spiegare a cosa serva questa Europa, nessuna critica al Gran Casinò della finanza senza regole, poco coraggio nelle ricette di politica economica per uscire dalla crisi. Molto più moderno il collega francese di Visco, il governatore François Villeroy. Villeroy ha ammesso che le ricette tradizionali, quelle di Visco per intenderci, non bastano data l’eccezionalità del momento. Villeroy ha ipotizzato la possibilità di stampare moneta e distribuirli direttamente alle famiglie ed alle aziende per smuovere l’economia, ha affermato che queste misure sono concepibili se bisogna combattere l’attuale grave deflazione.

    🎯🎯🎯Visco invece appare prigioniero della retorica calvinista dei sacrifici e del monetarismo dogmatico europeo: non ha neppure preso in considerazione la possibilità che la banca centrale possa creare denaro su una base duratura per finanziare direttamente l’economia. Villeroy batte Visco per pragmatismo ed efficacia di proposta, senza dubbio alcuno.

    MpL Comunicazione @ 18:51
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com