• Calendario/Archivio

  • gennaio: 2020
    L M M G V S D
    « Dic    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  
    Venturoni scrive

    Posted on venerdì 30 gennaio 2009

    Lanfranco Venturoni, assessore regionale alla sanità, spiega così tono e contenuto della sua lettera circolare ai manager delle Asl. Il tutto in vista di un incontro operativo che ci sarà a breve proprio con i manager e con il commissario per concordare procedure e limiti di spesa, insomma un invito a “fare” insieme e a soprassedere e rinviare le decisioni di spesa non urgenti. Se in sala operatoria si rompe un macchinario, l’assessore non blocca niente, perché l’attività deve riprendere. Ma su altre spese bisogna riflettere.

    «Ho scritto loro anche di andarci piano», ha aggiunto Venturoni, «e di usare cautela per le spese e comunque di informarmi preventivamente. Nessun blocco, nessuna imposizione. Diciamo una lettera di cortesia per ricordare, in caso di loro decisioni che possono essere onerose per il bilancio, che i conti della sanità sono sotto osservazione».

    «Al Ministero sono irremovibili – continua l’assessore – ogni anno l’Abruzzo dice che ha recuperato e poi invece il deficit aumenta e non si rientra dal debito, così come concordato. Insomma non si procede nel verso giusto».

    Cosa chiederà allora ai sei manager?

    «Intanto i numeri giusti ed aggiornati in tempo reale. Questo mi servirà per avere un quadro preciso e dettagliato, non una situazione appena attendibile – chiarisce Venturoni – Spesso in passato si è parlato di trimestri precedenti, di trend positivi e così via. No: chiedo chiarezza assoluta, senza alchimie di bilancio».

    E’ previsto lo spoil system? Cioè i Manager saranno mandati a casa?

    «Non è una decisione che spetta solo a me ed eventualmente se ne parlerà in sede politica: non dimentichiamoci che c’è un presidente che ha un suo ruolo ed una sua responsabilità precisa che sicuramente eserciterà – conclude l’assessore alla Sanità – in questo momento sull’argomento specifico posso solo pensare che l’eventuale sostituzione forse è un problema psicologico per qualcuno, nel senso che può avere questo timore. Il che potrebbe avere un peso in certe decisioni e nei bilanci. Perciò nella lettera ho indicato dei paletti di cui tener conto».

    MpL Comunicazione @ 13:28
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *