• Calendario/Archivio

  • agosto: 2019
    L M M G V S D
    « Lug    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  
    Università, Comune e CRUA insieme per il rilancio

    Posted on martedì 25 settembre 2018

    La sede del CRUA di Avezzano, futura sede del “Polo Universitario Marsica”

    Università di Teramo, Comune di Avezzano e CRUA insieme per lo sviluppo del “Polo Universitario della Marsica”. Dal prossimo anno accademico coinvolgimento dell’Università dell’Aquila sulle discipline medico-infiermeristiche. Un progetto ambizioso che vuole rilanciare la Facoltà di Giurisprudenza di Avezzano, sede distaccata di Teramo, che da alcuni anni è difficoltà come iscritti. Dall’altro lato si amplia l’offerta formativa: già da quest’anno parte il corso di laurea in Scienze (bioscienze e tecnologie agroalimentari), in linea alle esigenze del territorio fucense, 17mila ettari agricoli.   Il “Polo” avrà sede presso il Centro Ricerche Unico Abruzzo (ex Crab) che porterà il valore aggiunto dei sui ricercatori e dei suoi laboratori ai percorsi didattici in tecnologie agroalimentari di nuova attivazione.  Gli atenei di Teramo e L’Aquila,   il Comune di Avezzano ed il CRUA lavoreranno congiuntamente nel miglioramento dell’offerta di alta formazione (laurea, master e percorsi post laurea)  impegnandosi complessivamente a garantire qualità didattica e sbocchi lavorativi. 

    Come premessa all’accordo occorre considerare il progressivo deterioramento delle iscrizioni alla Facoltà di Giurisprudenza nella sede distaccata di Avezzano, deterioramento dovuto da un lato ad una oggettiva riduzione degli iscritti alla Laurea Magistrale in Giuriprudenza (un fenomeno nazionale) e dall’altro ad oggettive carenze locali  (inadeguatezza della sede, ecc.).   Il progressivo deterioramento nelle iscrizioni ha posto la questione della sostenibilità dell’onere della Convenzione, e si è posta con forza l’unica alternativa possibile: chiusura o rilancio!

    Il Comune di Avezzano e l’Università di Teramo, sin dall’insediamento della nuova Amministrazione,  hanno costituito un comitato tecnico che ha affrontato  la problematica del rilancio della presenza dell’Università di Teramo nella Marsica, considerato quale elemento di importante fertilizzazione del territorio e di potenziamento del capitale umano a determinate condizioni.

    Con i contratti preliminari conclusi in questi giorni, si conferma con i fatti la volontà dell’Amministrazione di Avezzano di migliorare ed intensificare la collaborazione in essere tra l’Ateneo ed il Comune di Avezzano, coinvolgendo nel percorso il CRUA (ex Crab) in vista del potenziamento dell’offerta formativa. Ma vediamo il dettaglio, seppur per grandi linee.

    Obiettivi condivisi dell’avviato percorso di revisione della Convenzione sono:

    1.dotare la Facoltà di una nuova sede, idonea allo svolgimento della attuale attività didattica ed a migliorare il livello e la qualità dei servizi resi agli studenti. La nuova sede individuata è quella del CRUA – Consorzio di Ricerche Unico d’Abruzzo (ex Crab);

    2.Il CRUA non sarà soltanto sede della Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza, ma diverrà un vero e proprio “Polo Universitario della Marsica”, la quarta sede universitaria d’Abruzzo, sviluppando percorsi formativi tra le Università di Teramo, L’Aquila, CRUA, aziende locali del settore agroalimentare, Enti economici locali (come Aciam e Cam) e stakeholder regionali.

    3.Già da questo anno accademico sarà possibile affiancare alla Laurea in Giurisprudenza, cicli intensivi di attività didattiche e di laboratorio indirizzate ad una “coorte territoriale” del corso di Laurea in scienze (Bioscienze agrarie e Tecnologie agroalimentari) di un congruo numero di studenti provenienti dal territorio marsicano. Detta iniziativa è decisamente e volta alla ulteriore valorizzazione di un settore economico strategico quale il comparto agroalimentare fucense.  Dato che l’Università la fanno i docenti e la sede, ma soprattutto gli studenti, la condizione minima per l’avviamento del corso in Scienze è che la Marsica, in senso lato intesa, esprima almeno 25 matricole, obiettivo assolutamente possibile se il territorio crederà nella sua Università. Parimenti, ci attendiamo un incremento del numero di iscritti a Giurisprudenza, grazie alla nuova sede ed alla nuova logistica,  con obiettivo quota 100 matricole.

    Contestualmente si avvierà un “Comitato ordinatore”, ovvero una “task force” tecnica,  congiunta UNITE –  Comune e CRUA –  per il possibile ampliamento dell’offerta formativa a partire dal prossimo Anno Accademico, valutando in primis la possibilità di avviare, nell’ambito del corso triennale e Magistrale in Servizi Giuridici, ulteriori percorsi di curricolari come, ad esempio: criminologia, diritto e legislazione agro-alimentare e ambientale, master di secondo livello, collaborazioni con il sistema universitario regionale, ed in particolare con UNIVAQ sulla Area Medicina come scienze infermieristiche, ecc.).

    Obiettivo comune è potenziare il costituendo “Polo Universitario Marsica” nella sua capacità di attrazione di studenti, operando in ottica di prossimità geografica. Ciò significa travalicare i confini regionali amministrativi, interessando nelle politiche di sviluppo della didattica le platee di Lazio, Molise, Puglia e Marche, in ottica di una nuova progettualità che punti a definire una formazione universitaria moderna, proiettata fuori dall’ambito esclusivamente locale e che possa candidarsi a giocare un ruolo da protagonista per l’area centro-sud.

     

    MpL Comunicazione @ 11:38
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *