• Calendario/Archivio

  • ottobre: 2018
    L M M G V S D
    « Set    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  
    Uffici regionali a Pescara?

    Posted on lunedì 4 giugno 2018

    Nella confusa e inconsistente amministrazione regionale guidata da D’Alfonso, la riorganizzazione della macchina amministrativa è il punto massimo del fallimento complessivo della Regione Abruzzo.


    Tra fughe di dirigenti, dimissioni a raffica e blocco dell’attività amministrativa, D’Alfonso si è distinto per disorganizzazione e cambi di rotta senza nessuna logica o beneficio per l’attività delle strutture regionali e, dunque, per i servizi che le stesse devono rendere per la collettività. Ma del resto D’Alfonso ormai è diventato il Fregoli del nostro tempo: è Senatore o Presidente a seconda delle sue convenienze, con buona pace dei cittadini abruzzesi. Il resto per lui non conta.
    L’ultima perla è rappresentata da una proposta di deliberazione sulla riorganizzazione del settore Opere pubbliche che ha sede all’Aquila. Nella proposta, infatti, si nota, tra l’altro, come gli uffici periferici dei geni civili – ora sotto la direzione delle Opere pubbliche all’Aquila – passino sotto la direzione Trasporti della sede regionale di Pescara. Fulgido esempio di furbata del fuggitivo D’Alfonso, cui si possono aggiungere altri esempi, a cominciare da quelli riguardanti la Protezione civile.
    È tutto così maldestramente evidente, che addirittura la CGIL ha chiesto un incontro urgente con i vertici della Regione, con una nota del 28 maggio.
    Ovviamente abbiamo in Regione una chiara carenza di rappresentanza politica, peraltro succube del fuggitivo D’Alfonso, che, ridotta a tappezzeria, tace in ogni circostanza.
    Questa snaturata e sciagurata ipotesi di modifica della Direzione di un settore strategico come gli uffici periferici dei geni civili (che svolgono una funzione determinante nel quadro della ricostruzione post terremoto) va a danno della nostra città e sarà portata immediatamente all’attenzione del Consiglio comunale, per far sì che il nostro Sindaco faccia ciò che altri non sanno fare a difesa delle prerogative dell’Aquila.

     

    Giorgio De Matteis
    Capogruppo Fratelli d’Italia

     

     

     

     

     

    In spregio a quanto sancito dalle regole e dalle leggi regionali sembrerebbe che, gli amministratori di questa regione, mossi dalla volontà di depauperare e delegittimare il ruolo che L’Aquila riveste dal 1971, stiano risvegliando mai sopiti campanilismi tornati alla ribalta con maggior vigore sia dopo l’elezione di un presidente regionale che appare non aver mai dismesso il ruolo di sindaco della città di pescara sia dopo il sisma del 2009 che fa percepire una sorta di debolezza delle aree interne della nostra terra e sorgere, di conseguenza, velleità di facili conquiste.
    Da quanto si è riusciti ad apprendere 4 servizi dei geni civili, dal dipartimento opere pubbliche verranno trasferiti all’interno del dipartimento trasporti ovvero con direzione politica e gestionale a Pescara.
    Il dipartimento opere pubbliche passerebbe così da 15 a 9 servizi con grave nocumento per la nostra Città. Questo è solo un esempio delle numerose competenze che vorrebbero trasferire sulla costa proseguendo in una riorganizzazione che nulla ha a che fare con finalità di miglioramento del servizio pubblico in termini di efficienza ed efficacia.
    Questa organizzazione sindacale congiuntamente alla segreteria confederale territoriale chiama a raccolta tutti i politici abruzzesi e tutta la popolazione al fine di interrompere queste vergognose azioni.
    Vale la pena ricordare che gli uffici pubblici nel nostro territorio sono un fattore fondamentale del nostro tessuto finanziario ed associativo.
    La riduzione di esso nel breve e nel lungo periodo porterà alla logica conseguenza di un crollo economico e sociale paragonabile solo agli effetti del terremoto del 2009 ma con caratteristiche di totale irreversibilità.
    Al grido di VERGOGNA possiamo soltanto aggiungere che i cittadini di questo territorio non permetteranno mai alcuno spostamento di uffici o direzioni dal CAPOLUOGO di REGIONE.


    Giuliana Vespa Simone Tempesta, Segretari UGL

    MpL Comunicazione @ 10:59
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *