• Calendario/Archivio

  • agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
    Udc su Pnalm

    Posted on martedì 29 gennaio 2008

    L’AQUILA – L’onorevole Rodolfo De Laurentiis (Udc) è intervenuto sul caso del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e in particolare sulla nomina ‘sospetta’ di un nuovo direttore poco prima della caduta del governo. De Laurentiis ha invitato a fare chiarezza il ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio: “La celerità nella firma di questo ultimo atto – ha commentato il parlamentare – cozza con l’inerzia che da quasi due anni blocca le delibere sul Piano e il Regolamento del Parco, fermi all’ultima approvazione da parte del precedente Consiglio Direttivo in data 8 marzo 2006, che sono gli indispensabili strumenti di gestione del territorio, e questa situazione di stallo proprio nel momento in cui l’Ente Parco si appresta a dare le sue intese ai piani regolatori generali di alcuni comuni dell’Alto Sangro”.

    Il deputato marsicano ha sottolineato come “il ministro abbia deciso di gestire le cariche dell’Ente Parco, da ultimo l’avvicendamento del direttore Di Benedetto, ignorando persino le relazioni del nucleo di valutazione di accertamento gestione dell’ente parco in cui si riconosce all’ente l’aver svolto un lavoro strategico capace di ristabilire una durevole gestione del Parco sulla base di un approccio sistemico di disposizione ordinata del territorio coniugando la conservazione delle diversità biologiche e paesaggistiche con lo sviluppo socio economico delle aree interessate dall’Ente Parco”. De Laurentiis ha ricordato il risanamento dell’enorme massa debitoria del Pnalm, il riequilibri del bilancio attraverso la normalizzazione delle procedure contabili e la razionalizzazione della spesa, l’approvazione della dotazione organica che ha stabilizzato le 76 unità di personale  precario. La precedente Amministrazione – ha sottolineato il parlamentare – aveva inoltre ricostruito i rapporti con le organizzazioni sindacali, ricostruito i rapporti con il Corpo Forestale dello Stato, con le istituzioni locali e nazionali e rilanciato la Ricerca Scientifica, consoli dando la complessa problematica della gestione diretta di boschi e pascoli e degli indennizzi ai comuni ed agli allevatori per i danni della fauna selvatica; ha approvato lo Statuto dell’Ente, il Regolamento di Organizzazione, il Regolamento di Amministrazione e Contabilità, il Piano del Parco e il Regolamento del Parco; ha rilanciato investimenti per circa 5 milioni di euro, con il fine di mettere a norma e completare le strutture dell’Ente e ristrutturare 5 Centri di Visita. De Laurentiis ha invitato il il ministro a una verifica sulle attuali attività del Pnalm, auspicando che vi sia un minimo di coerenza con gli sforzi profusi dalla passata amministrazione che di concerto con il passato governo hanno permesso il risanamento della gestione ed il rilancio dell’immagine dell’ente parco. La riorganizzazione dei servizi – ha concluso l’esponente dell’Udc – non può soggiacere solo ad una mero ed opportunistico inte- resse politico senza conside- rare gli sforzi di raccordo e cooperazioni degli attori locali che hanno virtuosamente contraddistinto l’azione della precedente direzione.

    MpL Comunicazione @ 13:39
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com