• Calendario/Archivio

  • novembre: 2020
    L M M G V S D
    « Ott    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  
    Telecom bugie

    Posted on lunedì 1 giugno 2009

    Telecom fa l’elemosina con due soldi per il terremoto, strombazzati ai quattro venti dall’onnipresente Cicchetti, ma poi sui problemi veri della gente non aiuta a risolvere. Perché tra i tanti problemi che i cittadini colpiti dal sisma devono affrontare è anche il problema legato al trasloco della linea telefonica da un edificio non agibile ad altra residenza.   Riceviamo la seguente testimonianza sull’efficienza di Telecom: "Sono titolare in L’Aquila di utenza telefonica Telecom (linea affari) presso stabile inagibile –Palazzo Persichetti- sito, per di più, in “zona rossa” –Piazza Santa Maria di Roio" ci racconta una cittadina aquilana. "Vista l’impossibilità di continuare a fruire del servizio presso quell’immobile, ho chiesto al Servizio assistenza clienti Telecom di traslocare la linea presso altro edificio agibile, sito nel medesimo Comune. Il Servizio interpellato mi ha invitata ad inoltrare la richiesta di trasferimento per il tramite della Protezione Civile, spiegando che avrei così avuto diritto ad ottenere gratuitamente lo spostamento dell’utenza. Altrimenti avrei sostenuto l’intero costo attualmente applicato per detta modifica". "A questo punto mi sono rivolta al C.O.M.1 istituito in Via Scarfoglio, esponendo quanto precede e chiedendo di poter presentare la domanda di trasloco dell’utenza. L’Ufficio detto ha negato al riguardo la competenza della Protezione Civile, secondo la nota DI.COMA.C. prot. N. 4525 del 2.5.2009, che mi è stata consegnata in copia.  Atteso che esiste un palese contrasto tra le informazioni fornite dal Gestore del servizio e la nota DI.COMA.C. sopra richiamata, e che da ciò consegue la inevitabile onerosità del trasloco della linea, chiedo di conoscere se sia vero che il Gestore ha previsto la gratuità del trasferimento per le utenze esistenti presso stabili inagibili e/o siti in “zona rossa”, e quali siano le condizioni per ottenere il beneficio". E’ chiaro che il presente caso  è, chiaramente, rappresentativo di molti altri ed investe, potenzialmente, tutti i titolari di servizio di telefonia fissa non fruibile in seguito al sisma.

    MpL Comunicazione @ 07:25
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com