• Calendario/Archivio

  • novembre: 2020
    L M M G V S D
    « Ott    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  
    Tavolo ricostruzione

    Posted on mercoledì 14 settembre 2011

    Fintecna assumer il ruolo di coordinatore della filiera, con Reluis e Cineas che continueranno ad esaminare i progetti relativi alla sostituzione edilizia e quelli delle parti comuni (quelli pi delicati ai fini della sicurezza e dell’impegno economico). E’ una delle ipotesi che oggi stata passata al vaglio del tavolo della ricostruzione alla presenza del sottosegretario Gianni Letta. Altre novit per accelerare le operazioni di ricostruzione delle case E: si prevede l’autocertificazione dei progettisti, che, per i singoli appartamenti si assumono tutte le responsabilit professionali (con controlli a campione ex post). I progettisti dovrebbero firmare pure una fideiussione bancaria, a garanzia della correttezza dei parametri economici progettuali. Si pure stabilito che entro il 31 dicembre tutti i progetti presentati (al 31 agosto devono essere finanziati o respinti). Sempre secondo l’orientamento della struttura commissariale, per accelerare le procedure saranno riviste le convenzioni in atto con Fintecna-Reluis-Cineas. I tempi necessari per l’inizio dei lavori sono quelli fissati nel cronoprogramma elaborato dal progettista e sottoscritto dallo stesso e dall’amministratore di condominio. Comunque in nessun caso si dovranno superare i 2 anni, dal momento del rilascio del contributo definitivo al momento del rientro nelle abitazioni. La bozza di ordinanza prevede anche che saranno gli amministratori a dover vigilare sulla coerenza dell’anamento dei lavori nelle parti comuni e nei singoli appartamenti. Prevista, come era gi noto, la perdita graduale delle forme di assistenza in caso di mancato rispetto dei limiti temporali. La prima reazione, non certo positiva, del Presidente dell’ordine degli Ingnegneri, De Santis, il quale lamenta la mancata concertazione con i tecnici dei provvedimenti discussi oggi. Per De Santis la polizza fideiussoria che i professionisti dovrebbero firmare uno strumento improprio che “non sta n in cielo n in terra”. I professionisti esprimeranno una valutazione non appena saranno noti i dettagli della nuova ordinanza, dice ancora De Santis, ma l’impressione che si scarichi sulle spalle dei professionisti l’inefficienza della macchina della ricostruzione.

    MpL Comunicazione @ 16:53
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com