• Calendario/Archivio

  • gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Nov    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
    Taffo: economia aquilana a rotoli

    Posted on mercoledì 29 agosto 2012

    “Le rilevazioni del nostro centro studi – afferma Angelo Taffo – presidente di Confartigianto Abruzzo – disegnano uno scenario a tinte fosche: in un solo anno i mutui sono schizzati all’insù del 103%, una percentuale che ci allontana molto dal resto dell’Europa, dove i tassi sono inferiori al 62%.

    Sul fronte mutui – precisa il presidente dell’associzione degli artigiani – a fine 2011 lo stock di mutui alle sole famiglie consumatrici (al lordo delle cartolarizzazioni e per gli ultimi dati disponibili) era pari a 317.868,7 milioni di euro, ripartiti per l’80,7% nel Centro-Nord e per il restante 19,3% nel Mezzogiorno. A livello regionale gli aumenti maggiori che si sono registrati sono quelli di Abruzzo (9,7%), Trentino-Alto Adige (8,9%) e Umbria 7,6% mentre in coda si trovano Emilia-Romagna (2,4%), Liguria (2,9%) e Valle d’Aosta (3,1%)”. Gli italiani, secondola rilevazione, per pagare il mutuo erodono in media il 30, 9% del loro reddito, con punte del 39,2% in Lombardia. “Tra rincari e mutui – prosegue Taffo – sono in difficoltà sei italiani su dieci ed un 6% non riesce ad arrivare a fine mese. Si sta innescando un circolo vizioso e pericoloso. Se i mutui aumentano, le case rimangono invedute con conseguenze pesanti per il settore dell’edilizia. Tra giugno 2011 e lo stesso periodo del 2012 le imprese di cotruzioni sono diminuite dell’1,36% con un conseguente calo dell’1,67% anche delle imprese artigiane che rappresentano il 64, 2% del settore. Numeri che fanno spavento: se non si adotteranno al più presto soluzioni efficaci e concrete migliaia di piccole imprese rischiano di chiudere e moltissimi lavoratori perderanno il posto”. A pesare come una zavorra sulle aziende c’è anche il costo dell’energia elettrica. Dallo studio emerge, infatti, che la bolletta elettrica nazionale è la più cara in Europa. “Lo scorso anno gli imprenditori italiani hanno pagato 10.007 milioni di euro in più rispetto alla media europea – puntualizza Angelo Taffo – . Tra il 2009 ed il 2011 in Italia i rincari si sono attestati intorno all’11% mentre nell’UE si sono fermati al 5, 9%. C’è assoluta urgenza di una strategia energetica nazionale – conclude – per allineare i prezzi dell’elettricità per uso industriale, altrimenti è inutile parlare di competitività con gli altri paesi dell’UE”. A gonfiare la bolletta energetica contribuisce anche la pressione fiscale che incide del 21, 1% sul prezzo finale.

    MpL Comunicazione @ 18:50
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com