• Calendario/Archivio

  • gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Nov    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
    Sulmona, parte la centrale idroelettrica

    Posted on venerdì 13 maggio 2016

    Verrà inaugurata sabato 14 maggio alle ore 11 in località Fonte d’Amore – Santa Lucia, nel comune di Sulmona, la nuova centrale idroelettrica di Soave Energia, azienda di Sulmona, rappresentata dall’amministratore unico Armando Pasquarelli, che può vantare ormai una decennale esperienza maturata nel comparto energetico.

    La centrale è ubicata sulle opere acquedottistiche realizzate dalla ex Cassa per il Mezzogiorno nei primi anni’70. L’infrastruttura di proprietà ARAP consiste in una condotta interrata realizzata in tubo in acciaio che derivando acqua dal fiume Gizio, in prossimità del centro abitato di Pettorano, dopo un percorso di circa 12,5 km va ad alimentare due bacini di accumulo artificiali situati in località Fonte d’Amore – S. Lucia nel comune di Sulmona. Tra l’opera di presa dell’acquedotto ed il punto di restituzione nei bacini di accumulo sussiste una differenza di quota altimetrica di circa 85 metri che, al netto delle perdite, si trasforma in carico idraulico e quindi energia di pressione per la portata che alimenta i bacini.

    Il carico idraulico è stato sempre smaltito tramite apposite valvole di dissipazione; l’idea progettuale della SOAVE è stata quella di sfruttare l’energia di pressione dell’acqua turbinando le portate derivate prima del loro rilascio all’interno dei bacini di accumulo.

    Il progetto ha avuto origine fin dal lontano 2005 ed ha richiesto un notevole sforzo da parte della SOAVE che nel corso degli anni si è trovata a lottare con continui cambi normativi, lungaggini burocratiche, innumerevoli pareri da richiedere.

    Finalmente dopo circa 11 anni il progetto ha visto il proprio compimento con la realizzazione della centrale idroelettrica S. Lucia con una potenza nominale installata di 99 kW ed una portata derivata compresa tra i 150 ed i 170 litri al secondo. La centrale ha avuto e avrà un impatto ridottissimo sul territorio e sull’ambiente, poiché costruita su infrastrutture esistenti e progettata in modo da integrarsi perfettamente con il contesto ambientale circostante. A regime, la centrale sarà in grado di produrre annualmente circa 700.000 kWh di energia pulita e totalmente rinnovabile che può soddisfare tranquillamente il fabbisogno energetico di oltre 230 famiglie, evitando inoltre l’immissione di circa 210 tonn/anno di CO2 in atmosfera.

     

    L’obiettivo che si propone la società è quello di offrire un contributo concreto allo sviluppo della produzione dell’energia da fonti rinnovabili, al risparmio e all’efficientamento energetico.

    La SOAVE Energia Project, sempre attenta alla valorizzazione delle risorse che il territorio può offrire, ha in sviluppo una serie di iniziative nel settore del mini hydro per lo sfruttamento delle possibilità di recupero che offrono le reti acquedottistiche esistenti. Gli interventi sulle reti di distribuzione esistenti sono infatti quelle meno invasive sul territorio e più virtuose dal punto di vista della gestione delle opere al servizio della comunità.

    Tutti gli interventi sono dettati da una profonda conoscenza del territorio e delle potenzialità energetiche che esso può offrire, al fine uno sfruttamento sostenibile in termini energetici.

    MpL Comunicazione @ 11:08
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com