• Calendario/Archivio

  • dicembre: 2019
    L M M G V S D
    « Nov    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  
    Stati su rifiuti

    Posted on lunedì 16 febbraio 2009

    ”La Regione Abruzzo garantisce gia’ un ‘maggiore’ controllo delle attivita’ di gestione dei rifiuti, in virtu’ anche di un Accordo di programma con la Guardia di finanza. Il controllo sui siti interessati da criticita’ ambientali e’ dunque massimo. Non tutte le regioni italiane possono vantarsi della collaborazione con la GdF”.


    Lo ha detto l’assessore all’Ambiente della Regione Abruzzo, Daniela Stati, all’agenzia ASCA  in risposta alle sollecitazioni di ”fare attenzione al rilascio di autorizzazioni a privati”.


    ”Certamente non possiamo vietare che si avanzino domande all’Ente da parte di soggetti privati – ha spiegato la Stati – ma dobbiamo rispettare le normative di settore nazionali e regionali vigenti”. La risposta e’ stata indirizzata, in particolare, ai responsabili dell’assessorato all’Ecologia del Comune di Chieti. Nello specifico, allo Scalo, la Regione Abruzzo aveva gia’ sospeso le attivita’ nel giugno 2008, a seguito di irregolarita’ amministrative rilevate e successivamente sanate. Ora, con l’attuale provvedimento di sequestro dell’impianto da parte della GdF, sara’ valutato se ricorrono i presupposti di legge per una sospensione dell’autorizzazione regionale. ”L’iter amministrativo per l’autorizzazione e’ complesso, nonche’ fortemente partecipato – ha aggiunto l’assessore Stati – La Regione Abruzzo autorizza impianti di stoccaggio, smaltimento, recupero di rifiuti urbani e speciali, sulla base delle richieste che vengono avanzate da parte di soggetti interessati, che possono essere pubblici o privati. Questo processo di autorizzazione coinvolge numerosi Enti, in primis le Province, e si avvale di qualificati pareri tecnici”. ”Alla Regione – ha concluso la Stati – compete la programmazione delle attivita’ di gestione dei rifiuti che si esplica attraverso l’approvazione di un Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti. Infatti, chi ha la competenza per i controlli periodici su tutte le attivita’ di gestione, intermediazione e di commercio dei rifiuti, e’ la Provincia e non la Regione.

    MpL Comunicazione @ 17:41
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *