• Calendario/Archivio

  • agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
    Spiccioli per la Metro

    Posted on martedì 1 aprile 2008

    Sono arrivati i 12mln di euro per la Metro aquilana, previsti nella finanziaria 2008.  Purtroppo non si fanno le nozze con i fichi secchi, e fichi secchi sono 12mln di Euro concessi da Prodi per l’incompiuta aquilana. Tanto sono riusciti a fare i piddini (Cialente-Pezzopane-Marini-Lolli) per L’Aquila. Dodici milioni di euro, per una metropolitana di superficie, sono una miseria,  parenti prossimi dello zero.   Basta fare quattro conti.   L’amministrazione vuole rescindere il contratto con Eliseo Iannini. La metropolitana sarà, quindi, da riappaltare.  Iannini non resterà a guardare la rescissione del contratto, e c’è da attendersi che tutelerà i suoi diritti in tutte le sedi.  Si aprirà quindi  un contenzioso probabilmente catastrofico per il Comune perché le riserve dovranno essere quasi certamente pagate.   Quindi dai 12mln di euro iniziamo a toglierne un bel pò per le riserve contrattuali. E poi,  l’incognita del tracciato.   Per il cambio di tracciato non ci sono i soldi, e quindi forse il Sindaco dovrà piegarsi a far passare la Metro nel primo tratto di Via Roma. Se però la metro non potrà passare neanche nel primo tratto di Via Roma,  il percorso più probabile, anzi l’unico, sarà il dirottamento sul Viale della Croce Rossa. Da lì si arriverebbe alla Fontana Luminosa e si riscenderebbe verso Via Strinella, per completare il percorso al terminal bus di Collemaggio. Ora su questo nuovo tracciato c’è un ma, grosso come una casa.  E’ evidente che questo tracciato richiederà ben più di 12mln di euro, perché è molto più lungo del precedente e inoltre comporterà il completo smantellamento delle opere già concluse su tutta Via Roma, con ulteriori e gravosi costi. I treni, già acquistati da tempo, sono da adeguare alle normative sulla sicurezza. Quindi dovranno essere soggetti ad un aggiornamento tecnologico che costerà qualche altro milione di euro. Inoltre il deposito non è stato completato, e nessuno sa quanto occorre ancora per renderlo funzionante.Fatti i conti, non ci sono risorse per il nuovo tracciato: perché dunque reclamizzarlo? Pagato il contenzioso a Iannini, smantellata l’opera in Via Roma e sistemati i treni, completato il deposito, non resterà nulla per fare il nuovo tracciato Viale della Croce Rossa-Via Strinella e per tutte le spese accessorie di messa in esercizi. Anzi, i 12mln di euro neanche saranno sufficienti per coprire tali oneri.  Da ultimo, ma non per importanza, c’è da attendersi che nasceranno i comitati anti-metro in Via Strinella e Via della croce Rossa. 

    E.T.

    MpL Comunicazione @ 11:51
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com