• Calendario/Archivio

  • agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
    Rimpastrocchio

    Posted on sabato 7 febbraio 2009

    Rimpastrocchio in dirittura d’arrivo. Nella verifica di ieri sera, i partiti di centro sinistra sono stati disponibili a "ritrovare la maggioranza" perduta.  C’era anche Sinistra democratica (audite, audite)  con Giustino Masciocco e Luca D’Innocenzo.

    Tutti a paroe desiderosi di rinnovare un patto d’alleanza che possa permettere alla Giunta Cialente di governicchiare alla meno peggio la città. Una poltrona là, un assessore qua, e vai, tutta la ciurma torna sulla zattera di Capitan Cialente almeno fino alla prossima buriana.
    Lolli, il mediatore venuto da Roma,  ha valutato positivamente la riunione, in cui si è deciso di andare avanti per non cadere all’indietro, confermando la piena fiducia al Sindaco, ma con un più ampio coinvolgimento dei consiglieri di maggioranza. Solite parole dette e ridette: "condivisone delle scelte", "maggiore collegialità", "centralità del consiglio", "no al monocolore PD", "rivedere l’organizzazione comunale", ecc. ecc.
    Si è deciso di accordarsi almeno sul Bilancio di Previsione 2009. Sul fronte caldo urbanistico, non si è deciso nulla: tutto sarà affidato ad  un tavolo permanente, in modo da discutere, discutere, discutere, discutere, discutere, discutere…… i provvedimenti da portare all’attenzione del Consiglio comunale.
    Si è scelto inoltre, di riunirsi in Convento per studiare le tabelline ed i temi strategici al 2020, 2030, 2040 e, infine, 2050. Per il 2100 c’è tempo: se ne occuperà Riga nella prossima riunione.
    Sinistra democratica, pur esprimendo riserve, riserve e poi ancora riserve, pare tornata all’ovile dipo tanto bau, bau, ed  ha riconosciuto alla vecchia coalizione un passo avanti, piccolo ma avanti, per cui entro il 2020 potrebbe tornare a collaborare attivamente.
    Il capro espiatorio? L’assessora esterna al Bilancio e Finanze, Silvana Giangiuliani, attaccata da tutti. Mentre prima gli assessori esterni (Di Cocco e Giangiuliani) nonché il city manager (Cordeschi) dovevano salvare la città dal naufragio, ora invece sono  divenuti i capri espiatori. Da santità tecniche ad agnelli sacrificali.

    Avanti adagio, il rimpastazzo è solo questione di giorni….povera L’Aquila.

    MpL Comunicazione @ 13:25
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com