• Calendario/Archivio

  • dicembre: 2020
    L M M G V S D
    « Nov    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
    Ricciuti: “rinviare congresso PDL”

    Posted on martedì 31 gennaio 2012

    Il congresso del PDL aquilano, previsto per il 5 febbraio, rischia di portare alla esplosione del partito. Troppe le divisioni, i rancori personali, i tatticismi esasperati;  meglio allora rinviare l’appuntamento. Anche perché all’Aquila tra poco si vota, e le divisioni innescate da alcuni elementi del partito, pregiudizievolmente contrari alla candidatura De Matteis a sindaco dell’Aquila,  rischiano di diventare uno straordinario assist all’uscente Cialente.  Sono molte le voci che chiedono il rinvio del congresso, mentre i vertici regionali continuano a tacere (forse i problemi del Capoluogo non interessano più di tanto).   Oggi tocca  a Luca Ricciuti invocare un momento di riflessione (attendiamo ad horas la reprimenda del giovane segretario in pectore, Magliocco, che ormai attacca sul piano personale tutti quelli che osano esprimere un’opinione, come Carla Mannetti l’altro ieri): «Rinviamo il congresso, sediamoci e parliamo». Questa la proposta del Consigliere regionale, Luca Ricciuti, al consigliere comunale Enzo Lombardi e altri consiglieri ex Fi. Una posizione simile a quella dell’On.le Pelino (“pensiamo alle elezioni e non ai congressi”) e di Carla Mannetti che, più esplicitamente, ha invitato a disertare un congresso il cui esito sarebbe già predefinito da accordi blindati di vertice. 

    «Vogliamo ragionare – ha spiegato Luca Ricciuti -. Non stiamo dicendo di non voler partecipare al congresso. Sarebbe invece auspicabile un rinvio per trovare una condizione più condivisa possibile.  Riteniamo non sia praticabile l’accordo Giuliante-Aracu. Sono convinto  che questa è una cosa fatta per spaccare il centro destra e forse c’è qualcuno che vuol far vincere Cialente».

    Intanto il vecchio leone  Enzo Lombardi si appella all’unità. «Non si tratta solo di un problema nominalistico ma di contenuto e di metodo – ha spiegato riferendosi alle proposte alla segreteria provinciale -. Noi vogliamo essere coinvolti nelle scelte. Ci sono margini per rispettare tutti e dare forme di rappresentanze. Se ciò non viene reso possibile per cavilli è chiaro che questo potrebbe portare a prese di distanza».

    MpL Comunicazione @ 16:16
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com