• Calendario/Archivio

  • aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  
    Regione vergogna/1

    Posted on mercoledì 1 ottobre 2008

    Il Movimento per L’Aquila l’aveva denunciato da tempo. Ora è tutto confermato. Scrive Enzo Lombardi: "L’11 ottobre avverrà la sciagurata inaugurazione del monumento allo sperpero di denaro pubblico. Dell’offesa violenta allo Statuto della Regione Abruzzo. Vale a dire, l’apertura dell’inutile palazzo del Consiglio Regionale di Pescara di piazza Unione, negli ex locali della Camera di Commercio…

    Un invito altisonante, realizzato ovviamente a spese dei cittadini abruzzesi (Il Consiglio Regionale per Pescara”), fissa la data già da me resa nota diversi giorni fa, vale a dire giovedì 11 ottobre, alle 11, con tanto di programma in cui – a parte il vice presidente del Csm, l’ex Presidente del Senato Nicola Mancino – gli interventi previsti sono solo quelli delle istituzioni della città adriatica: il Sindaco di Pescara, il Presidente della Provincia di Pescara e così via. E lo chiamano PALAZZO DEL CONSIGLIO REGIONALE D’ABRUZZO…

    Dieci milioni di euro tra acquisto e ristrutturazione, una vera e propria duplicazione degli uffici regionali vietata dallo Statuto dell’Abruzzo, che stabilisce come L’Aquila sia il Capoluogo e come un’altra sede delle istituzioni regionali possa essere allestita a Pescara. La Giunta regionale sta già provvedendo a realizzare i nuovi uffici dell’esecutivo e del Consiglio; attualmente sono esistenti e perfettamente funzionanti quelli di viale Bovio. Dunque, Roselli ha scavalcato tutto e tutti, portando a termine un’operazione scellerata e in tutta fretta. Un palazzo che, in realtà, è la sommatoria di uffici personali dei Consiglieri Regionali, dove l’Aula consiliare – che inizialmente non era nemmeno prevista – è stata costruita a tempo di record, affinché questa faraonica inaugurazione avvenisse prima delle elezioni regionali.

    Continua a sconcertarmi il fatto che le istituzioni aquilane proseguano nel loro silenzio. Evidentemente o ci sono ragioni di complicità politica o la loro incapacità è arrivata a un punto talmente elevato da impedire loro di combattere per la tutela della città. Anche i maggiori organi di informazione, invero, stanno facendo passare sotto silenzio il fatto. Le magistrature competenti hanno già le documentazioni necessarie su questa vicenda. Mi auguro proprio che, in breve tempo, sia fatta giustizia.
    Domani (2 ottobre), in sede di conferenza dei capigruppo del Consiglio comunale dell’Aquila, chiederò che venga fissato un apposita seduta consiliare, con questo argomento all’ordine del giorno".

    MpL Comunicazione @ 20:21
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com