• Calendario/Archivio

  • agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
    Produttivit zero/2

    Posted on martedì 8 aprile 2008

    Insomma dall’analisi dell’Ocse (l’organizzazione internazionale che raccoglie i paesi più industrializzati del mondo) esce la foto di una Paese in  "forte decelerazione".  L’Italia è al 20esimo posto su trenta paesi industrializzati se si considera il Pil pro-capite, con il secondo peggiore debito pubblico del mondo ed è ultima per crescita del Pil negli ultimi anni tra i paesi più industrializzati. Ad aumentare sono state, invece, le disparità di reddito. 

    Come ricorda l’economista Paul Krugman: "la produttività non è tutto, ma a lungo andare è quasi tutto. La capacità di un paese di migliorare il suo standard di vita nel tempo dipende quasi interamente dalla sua capacità di aumentare la produzione per lavoratore".  La cosa più grave per l’Italia è proprio la crisi della produttività (prodotto per occupato) che si accompagna alla bassa crescita demografica ed all’invecchiamento della popolazione. Gli ultra 65enni sono il 19% nel 2006 e saliranno al 33,7% nel 2050, quando l’Italia avrà il rapporto più sfavorevole di tutta l’area Ocse tra pensionati e lavoratori (98,5).

    I lavoratori devono fare i conti con  compensi medi  più bassi tra i big industrializzati. Eppure gli italiani non lavorano poco (ottavo posto con 1.800 ore l’anno) e sono molti anche quelli che lavorano in proprio (26,7% del totale degli occupati nel settore civile). L’Italia è inoltre il Paese con le maggiori disparità regionali in materia di disoccupazione. 

    Moltissimi i giovani senza lavoro. La penisola è seconda solo alla Turchia con il 10,9% dei ragazzi e l’11,4% delle ragazze tra i 15 e i 19 anni che non vanno nè a scuola, nè lavorano, mentre i coetanei che frequentano una scuola certo non brillano. Un’altra nota negativa dobbiamo sopportarla negli ‘investimenti nella conoscenza, dove siamo quartultimi in una classifica di trenta paesi, con poco più del 2% del Pil e per il numero di ricercatori (24esima su 30).

    MpL Comunicazione @ 14:42
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com