• Calendario/Archivio

  • agosto 2022
    L M M G V S D
    « Gen    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  
    Primarie all’Aquila, tempo scaduto

    Posted on domenica 23 gennaio 2022

    Primarie all’Aquila, il tempo è scaduto – Consultazioni primarie “vere”, per selezionare il candidato sindaco,  sarebbero   buona cosa.  Ma il condizionale è d’obbligo, dato che la politica dei tatticismi è sempre riuscita, in passato,  a rovinare questo potente strumento, tipico delle democrazie mature anglosassoni. Le primarie vengono agitate sovente dai partiti o da singoli esponenti non perché si vogliono fare, ma per perdere tempo o bloccare un candidato indigesto o per isolare una forza politica che magari non si vuole nella coalizione.

    Il test primario sarebbe invece uno strumento potente di selezione della classe dirigente e di governo. A certe condizioni. Una delle regole del test primario, la principale, è che la consultazione deve tenersi molto in anticipo rispetto alle elezioni vere e proprie, almeno sei mesi prima, e questo per diversi motivi. Le primarie, è insito nella loro natura, se sono “vere”  lasciano sempre uno strascico conflittuale e di forti malumori personali tra i candidati contrapposti,  che richiedono faticose mediazioni e tempi fisiologici per ricomporsi (gli americani dicono wash the blood from the floors, alla lettera “lavare il sangue dai pavimenti”).  In secondo luogo,  il candidato prescelto deve avere il tempo necessario per organizzare liste ed alleanze, perseguendo una strategia di allargamento dell’area della ristretta “fazione” che lo ha votato in occasione del test. Le primarie, inoltre, hanno un senso soltanto se riescono a coinvolgere “stakeholder” estranei alla politica,  come esponenti della società civile e delle categorie produttive, ovvero un insieme di elettori ben più ampio del movimento/partito di appartenenza del candidato al test, e questo richiede i tempi giusti per tenere una vera e propria campagna elettorale, con dibattiti, incontri e scontri tra i vari candidati.
    Le primarie seppure partite alle volte con nobili intenti, si sono sempre trasformate in una vera e propria beffa.  La pantomima è sempre la stessa: dopo mesi passati a discutere se farle o no, se come farle, se aperte o se chiuse, se di partito o di coalizione, di sotto e di sopra, si è sempre giunti  a ridosso della fatidica data di presentazione delle liste.  Questo è accaduto spesso. Ed ancora una volta, a cinque mesi dalle amministrative 2022, ci sono soggetti politici all’Aquila che continuano a parlare di primarie. Primarie troppo  vicine alle elezioni, e la cosa non ha alcun senso, anzi è controproducente, danneggia addirittura pure chi le propone.

    Con questo nostro ragionamento vogliamo solo dire che le primarie sono  una cosa buona, ma non devono essere utilizzate per altri fini,  si devono fare nei tempi giusti e nel clima giusto di cooperazione competitiva, non già nel contesto di scontro al fulmicotone che caratterizza l’attuale fase politica. A L’Aquila il tempo è scaduto, bisognava pensarci prima, molto prima.
    A maggio/giugno si vota. Ma come si fa a  fare buone liste senza aver definito prima i programmi e le alleanze?  Con quale autorevolezza si definiscono le alleanze con altri soggetti del mondo civile senza il candidato sindaco, che dovrebbe essere il vincitore di primarie delle quali non si conoscono neppure la formula e le regole?
    Per cortesia, questa volta almeno risparmiateci le primarie nella doppia versione di “foglia di fico” (di scelte calate dall’alto) o primarie tattiche (fatte solo per perdere tempo ed intralciare il candidato non gradito). Di fronte alla situazione drammatica delle nostre zone interne, l’attuale dibattito sulle “primarie di sotto e di sopra”, lanciato a giorni alterni, appare semplicemente comico, se non fosse tragico.

    MpL Comunicazione @ 19:58
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com