• Calendario/Archivio

  • luglio: 2020
    L M M G V S D
    « Giu    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  
    Politica energetica

    Posted on giovedì 20 marzo 2008

    E La Politica Energetica? Nella Campagna Elettorale in corso tutti hanno nei loro programmi ipotesi di crescita, di non rischiare un arretramento e di non trasformare l’Italia in un paese povero, ma si sente e si legge poco se non pochissimo in materia di politica energetica. Forse a molti, e secondo alcune tesi volutamente, sfugge che nonostante un processo in atto di defocalizzazioni o chiusura di industrie “ energivore”, la domanda di Energìa cresce e conseguenzialmente il suo costo sale e se per il nostro paese, in quanto area Euro, tale costo in parte è attutito dal deprezzamento del dollaro, resta comunque ad un livello non più sopportabile. 

    Pur volendo fere tutte le considerazioni positive è delittuoso non rilevare quanto la nostra Economia più di quella di ogni altro paese, compreso l’area europea, sia dipendente proprio dalla cosiddetta bolletta – energetica. Ancora più strana appare l’assenza dai programmi politici-elettorali di tali argomentazioni,pur in presenza di una decisone dalla Commissione Europea di recente assunta sotto il nome di “Pacchetto 20 + 20+20” il cui contenuto si sostanzia in un obiettivo da raggiungere entro il 2020 attraverso: la riduzione del 20% delle emissioni di CO 2, l’utilizzo di almeno il 20% di energia proveniente da fonti rinnovabili, l’aumento del 20 % dell’efficienza dell’energia. Nonostante il tema è di una tale rilevanza sorprende che non se ne parli se non con qualche generico riferimento, più di scuola che reale, del ritorno al nucleare. Dovremmo essere,anzi siamo, particolarmente delusi della nostra classe politica e dopo le performances nel precedente Governo del verdissimo ministro Pecoraro Scanio con la felice acquiescenza dei Padoa Schioppa. Visco e Prodi stante la quasi certezza che tali insigni personaggi possano non più sedere nel nostro Parlamento vorremmo augurarci che il Governo che verrà’ affronti il tema con la dovuta celerilà’ ed impegno. Certamente non ci si venga a dire che entro sei mesi si risolverà’ il problema (ci verrebbe da pensare istintivamente al semestre entro il quale il Presidente Prodi aveva pomposamente annunciato che avrebbe fatto felici gli Italiani e poi abbiamo visto come la cosa è finita!!) Allora : Rigasificatori, Utilizzo di carbone pulito, solare , eolico, nucleare di ultima generazione, termovalorizzatori, biomasse ecc…questi sono i temi sui quali vorremmo vedere impegnato il nostro paese convinti che questi sono i temi che nel prossimo futuro determineranno la posizione dell’ Italia nel mondo economico sempre più globalizzato. Diversamente dovremmo cominciare a pensare -fra non più di un decennio , quando il sistema bancario e finanziario, quello assicurativo , quello del cooperativismo rosso , ci avranno preso tutto – a ripreparare la valigia di cartone per emigrare.
    Carlo Spadaccini

    MpL Comunicazione @ 16:50
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com