• Calendario/Archivio

  • aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  
    PD, senza pudore

    Posted on sabato 27 settembre 2008

    La maggioranza ci riprova. Martedì prossimo in consiglio regionale approda, come ottavo punto all’ordine del giorno, l’abrogazione della legge sulla ineleggibilità e incompatibilità in vista delle prossime elezioni. Il tentativo di abolire quella norma "anti sindaci", come è stata ribattezzata, era stata bocciata già una volta. Adesso la maggioranza si prepara a riproporre l’abrogazione, vista anche l’imminente data elettorale.

    Non si sa quale potrebbe essere il risultato in consiglio anche se la riuscita sembra quasi impossibile con Idv e sinistra che non la vogliono, a meno di sorprese dell’ultima ora. Ma a quell’ordine del giorno non è stato dato troppo risalto, come hanno spiegato ieri mattina in conferenza stampa i consiglieri regionali del Pdl Nazario Pagano, Alfredo Castiglione, Mario Amicone.  Nazario Pagano ha saputo via email di questo consiglio regionale indetto per martedì prossimo. "Non ne sapevamo nulla e non è stata indetta nemmeno la riunione dei capogruppo, obbligatoria".

    Anche sul sito del consiglio regionale non c’era traccia, poi ieri mattina la conferma anche lì. «Registriamo un ennesimo comportamento di irregolarità da parte del presidente del consiglio regionale Marino Roselli», ha tuonato Pagano. «In questi tre anni di distruzione hanno fatto di tutto, sono partiti male e hanno finito anche peggio. Sono rinchiusi nelle loro stanzette autoreferenziali», ha continuato il consigliere di Forza Italia, «e decidono senza condividere con l’opposizione. Adesso la disperazione li ha portati a questo maldestro tentativo di mandare a monte le elezioni». «La seduta del consiglio regionale convocata senza neanche riunire i capigruppo consiliari, è semplicemente illegale», è intervenuto Alfredo Castiglione.

    «Gli argomenti all’ordine del giorno non sono né urgenti né indifferibili come prevede esplicitamente la legge. Riaffiora, invece, – ha continuato l’esponente del Pdl – la legge sulle incompatibilità dei consiglieri regionali dietro la quale è legittimo intravedere l’ombra di Luciano D’Alfonso e una fame di potere che gli scandali non hanno minimamente eroso».

    «Sono feriti a morte», ha aggiunto Mario Amicone (ex Udc da pochi giorni entrato nel Pdl), «i sondaggi li danno al 19% e stanno assumendo un comportamento aggressivo e contro legge».

    MpL Comunicazione @ 19:01
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com