• Calendario/Archivio

  • luglio: 2020
    L M M G V S D
    « Giu    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  
    Parlamentare pentito

    Posted on giovedì 20 marzo 2008

    Ora nel Bel Paese abbiamo anche il “parlamentare pentito”: una figura che mancava sul palcoscenico della politica italiana. Si chiama Roberto Poletti, giornalista televisivo che ha avuto una esperienza parlamentare, come deputato dei Verdi, che ora sta impietosamente raccontando sul quotidiano Libero vizi e soprattutto privilegi della Casta, di cui peraltro si sta tornando a parlare grazie a Walter Veltroni che, bontà sua, si è accorto che i nostri politici sono troppi e costano troppo. Comunque ha avuto il merito di riaprire il dibattito sull’argomento, e questo non è certamente male. Come non è male che l’ex onorevole Poletti mostri e metta sale sulle piaghe del sistema politico. E a proposito di Poletti ci sono piaciute due cose che ha detto per giustificare la scelta di outing che ha fatto in questi ultimi giorni. La prima è la sua affermazione che alla fine c’è un problema di “dignità e di valori”. Deve valere, rispetto a chi ha vita facile a spese di tutti, “il lavoro, la fatica vera, quella di alzarsi ogni giorno presto per meglio produrre”. La seconda è la riflessione che certi personaggi, “una volta entrati nel sistema siamo costretti a mantenerli a vita”. Questa ultima è una verità constatabile al vertice come in periferia, che chiunque segue la politica può testimoniare. Chi entra nel giro non ne esce mai, meno che meno se viene “trombato” in qualche competizione elettorale. Infatti in quel momento il problema del partito che l’ha in carica diventa subito come sistemarlo. Un carrozzone dove infilarlo, un consiglio d’amministrazione, un incarico lo si trova sempre. E’ certamente fatto positivo che su tutto questo si sia aperto un ampio confronto che sta investendo tutte le parti politiche in campo, ma che non diventi la classica discussione sul sesso degli angeli, che si perde senza mai arrivare a soluzioni. Invece è necessario uscire da situazioni che non appaiono più tollerabili. Situazioni cresciute nel tempo e arrivate ormai al limite estremo di sopportazione, come dimostra il crescere del sentimento dell’antipolitica. A questo punto, da testimoni quali riteniamo di essere, dobbiamo dare atto all’ex ministro Gaspari di aver lanciato pesanti strali, inascoltato, contro la degenerazione della politica, quando non ne parlava nessuno. Ricordiamo quel che ci disse in una intervista rilasciataci nel corso dell’ultima campagna elettorale regionale: “Il vero problema è che in Abruzzo ci sono migliaia di nullafacenti che vivono solo di politica”. Disse ancora: “In provincia di Chieti, la mia provincia, ci sono tre enti di gestione dell’acqua, con consigli di amministrazione e strutture triplicate: tra poco, vedrete, ci converrà lavarci con il vino. Ci costerà meno…”In verità il presidente Del Turco ha provato a ridurre que numero, ma ha appena scalfito la montagna che purtroppo esiste. Di nuovo in questi ultimi giorni, comunque, c’è che se ne è tornato a parlare. Siamo in campagna elettorale e le promesse in questi giorni, come esperienza ci insegna, costano poco e poco valgono, ma sarebbe pura arroganza se a elezioni concluse gli impegni assunti da tutte le parti politiche di mettere mano finalmente a costi e spese venissero accantonati e delusi. Non sarà più possibile proprio perché il vaso è colmo e quindi sarebbe atto irresponsabile farlo straripare, perché potrebbe avere un effetto travolgente oltre ogni previsione. Un rischio che i partiti farebbero assai male a correre.
    Gino Di Tizio, direttore La Cronaca d’Abruzzo

    MpL Comunicazione @ 12:49
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com