• Calendario/Archivio

  • agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
    Non per i giovani

    Posted on sabato 26 febbraio 2011

    L’Italia non è un paese per i giovani. Disoccupati e maltrattati,  sempre più dipendenti dai genitori, ai più talentuosi non resta che prendere la via dell’emigrazione all’estero. «I salari di ingresso dei giovani sul mercato, in termini reali, sono fermi da oltre un decennio su livelli al di sotto di quelli degli anni Ottanta», ha detto Mario Draghi, secondo cui «la recessione ha reso più difficile la situazione. Il tasso di disoccupazione giovanile sfiora il 30%. Si accentua la dipendenza dalla ricchezza e dal reddito dei genitori, un fattore di forte iniquità sociale. È uno spreco di risorse che avvilisce i giovani e intacca gravemente l’efficienza del sistema produttivo». «In Italia la crescita stenta da quindici anni» e i tassi di sviluppo «sono attorno all’1%» mentre la domanda interna rimane «debole». Dice ancora il governatore della Banca d’Italia  che chiede «azioni riformatrici più coraggiose che migliorerebbero le aspettative delle imprese e delle famiglie e aggiungerebbero impulsi alla crescita». L’Italia, sottolinea Draghi al 17° congresso Forex degli operatori finanziari a Verona, «dispone di grandi risorse, ha molte aziende, una grande capacità imprenditoriale, la sua gente è laboriosa e parsimoniosa».  La crisi libica, secondo il Governatore, è preoccupante anche dal punto di vista economico:  «un aumento del 20% del prezzo del petrolio determina una minor crescita del prodotto interno lordo di mezzo punto percentuale nell’arco di tre anni». Per questo, ha spiegato, «le dimensioni umane e l’esito ancora incerto della sollevazione popolare che scuote la Libia preoccupano la comunità internazionale». L’impatto immediato di eventuali difficoltà di approvvigionamento di fonti energetiche dall’Africa settentrionale secondo Draghi «può essere contenuto dall’ampia capacità inutilizzata negli altri Paesi produttori, ma ci potrebbero essere «ripercussioni sulla crescita mondiale»

    MpL Comunicazione @ 23:39
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com