• Calendario/Archivio

  • gennaio: 2020
    L M M G V S D
    « Dic    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  
    Non giustizia

    Posted on venerdì 21 marzo 2008

    Da cittadino ho apprezzato e condiviso il duro monito del presidente della Repubblica Napolitano lanciato alla magistratura per la scandalosa vicenda del mafioso che ha lasciato il carcere perché un magistrato non aveva fatto il proprio dovere nei tempi giusti, ma il problema della mala giustizia non si può, purtroppo, restringere a questo singolo caso, che vede protagonista un giudice evidentemente scansafatiche perché è tutto il sistema che palesemente spesso si blocca e crea casi scandalosi. Leggo, per entrare nel concreto, la notizia che l’ex sindaco di Pescara Nevio Piscione e l’ex assessore, Emidio Alimonti “sono stati assolti con tanto di scuse, e il rimborso delle spese legali sostenute” dall’accusa di “aver procurato un danno erariale al Comune di Pescara” per aver elergarito una somma di circa seicentomila euro ad alcuni progettisti per un’opera mai realizzata.  Si trattava, per essere completi, del “Centro riviera” che sarebbe dovuto sorgere nell’area dell’ex Fea, sul lungomanta Nord. Buon per i due ex amministratori, ma ciò che non va di questa vicenda è che i fatti risalgono al 1988. Ci sono voluti vent’anni per arrivare a questa sentenza che ha scagionato e ridato l’onore all’ex sindaco e all’ex assessore. Certo, meglio tardi che mai, ma si può chiamare ancora “giustizia” un qualcosa che arriva dopo così lungo tempo? Piscione e Alimonti, come ho letto, hanno ricevuto le scuse, insieme alla sentenza assolutoria, ma bastano davvero a risarcire tutto questo tempo in cui i due si sono sentiti sotto una sorta di spada di Damocle, pronta a precipitare sulle loro teste? Ora è bene preoccuparsi ai massimi livelli dello Stato dei casi eclatanti, dal figlio di Riina che esce dal carcere perché il tempo della detenzione è scaduto senza che sia intervenuta una sentenza, oppure del mafioso libero perché non è stata depositata la motivazione della condanna, o ancora dei grandi processi che finiscono in piazza, ma ci sono anche vicende come questa appena trattata che pesano sui cittadini delle quali sarebbe ora di preoccuparsi. Anche se sono lontane dai riflettori.

    Francesco Giannini

    MpL Comunicazione @ 17:10
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *