• Calendario/Archivio

  • novembre: 2020
    L M M G V S D
    « Ott    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  
    No petrolio, no lavoro

    Posted on giovedì 28 ottobre 2010

    "Confindustria ribadisce le ragioni dello sviluppo e ritiene scellerata la scelta della Regione Abruzzo di portare avanti un Disegno di Legge che limita qualsiasi intervento di ricerca ed estrazione di idrocarburi".  E’ quanto dichiara in una dura  nota il presidente di Confindustria Chieti, Paolo Primavera.
    "In questo clima di terrorismo ecologico  e’ doveroso sottolineare che nel settore estrattivo in Abruzzo, in oltre 60 anni di attivita’, non si e’ mai verificato alcun incidente a danno dell’ambiente o della salute dei cittadini. Nel territorio provinciale di Chieti sono insediate oltre i 2/3 delle aziende della filiera per circa 5000 lavoratori impiegati, tutte dotate delle necessarie certificazioni di qualita’, di sicurezza e rispetto dell’ambiente, necessarie e obbligatorie per chi lavora in questo settore". Secondo Confindustria "le scelte della Regione sono guidate da una totale mancanza di responsabilita’. Il ruolo e il peso delle associazioni del fronte che si oppone all’industria energetica, blocca di fatto lo sviluppo. Rivolgiamo pertanto un accorato appello perche’ si evitino decisioni drastiche senza un’attenta analisi degli impatti economici, ambientali, sociali e occupazionali e soprattutto senza alternative economiche valide, quando molte delle quasi cento aziende saranno mandate altrove, molti degli occupati del settore saranno senza lavoro e le migliori risorse umane e professionali della regione saranno costrette a trasferirsi in Basilicata o in Emilia Romagna".

    "Per non parlare della perdita delle royalty – aggiunge Primavera – che costituiscono oggi entrate fondamentali per le casse della nostra Regione i cui conti sono gia’ fortemente compromessi dal debito sanitario".  "La posta in gioco e’ la perdita di quasi 1 miliardo di euro di investimenti, fermi per blocco dell’iter autorizzativo, gia’ stanziati per progetti cantierabili da parte delle societa’ degli idrocarburi, e che possono generare da subito circa 1300 nuovi posti di lavoro oltre che la conservazione dell’occupazione esistente inevitabilmente destinata alla riduzione.

    A tutti i firmatari del documento anti-idrocarburi – conclude Primavera – Confindustria  pone un quesito: quale alternativa per queste cinquemila famiglie? Quale futuro per le aziende del territorio e per il Porto di Ortona il cui volume di attivita’ e’ fortemente legato al settore idrocarburi?".

    MpL Comunicazione @ 18:06
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com