• Calendario/Archivio

  • agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
    NO AI PRESTITI UE, POSSIAMO FARE DA SOLI

    Posted on giovedì 4 giugno 2020

     

    🏆Record storico per il nuovo BTP a 10 anni che, in un solo giorno, ha avuto ordini per oltre €110MLD, a fronte di un collocamento per soli €14MLD. Analogo enorme successo per il collocamento del BTP Italia, per €22MLD. Si tratta di numeri importanti che dimostrano la fiducia dei mercati nei confronti dell’Italia.

    🎲Perché allora indebitarci con l’Europa? Prendere soldi dal Recovery Fund è come fare un mutuo per comprare casa, ma a decidere quale casa comprare sarà Bruxelles. Prendere soldi con i BTP significa invece decidere noi quale casa comprare. Con il Recovery Fund, prendiamo soldi a prestito, ma senza poter decidere come usarli, verranno i commissari a farci le pulci ogni tre mesi, tornerà l’austerità dura, dovremo fare le drammatiche riforme alla Fornero maniera. Anche se ci dovesse essere un piccolo vantaggio tra i fondi che riceveremo e quelli che restituiremo, il Recovery fund, per l’Italia, resta una grossa fregatura

    🔝Possiamo farcela da soli. L’Italia è un grande Paese e deve giocare un ruolo maggiormente attivo nei confronti di un’Europa egoista e dormiente. Non sono ammesse esitazioni né ritardi, se si vuole evitare il default: il Governo deve fare subito tutta la spesa necessaria per far fronte all’emergenza sanitaria ed economica.

    Come finanziare la spesa? Con l’emissione di un titolo pubblico nazionale, un “BTP Italia” a lunghissima scadenza che anche la BCE dovrà acquistare, né potrebbe fare diversamente, perché il default dell’Italia significherebbe la fine dell’Europa con una reazione a catena che porterebbe ad una crisi finanziaria globale. Emettendo un proprio titolo, l’Italia potrebbe sostenere la domanda aggregata (consumi + investimenti), migliorare il PIL e pure il rapporto debito/Pil agendo, questo è molto importante, sul denominatore.

    La chiave della ripresa è nel sostegno ai consumi ed agli investimenti. Non ci sono alternative, se non vogliamo precipitare rapidamente in una situazione sociale esplosiva della quale si vedono già i segnali. Ma il Governo ha la forza e la volontà politica di sfidare la forte lobbie finanziaria europea, che ci vuole poveri ed acquisibili al Gran Casinò della finanza globale?

    MpL Comunicazione @ 14:29
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com