• Calendario/Archivio

  • aprile: 2019
    L M M G V S D
    « Mar    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  
    MpL: Biondi Presidente, per L’Aquila, per l’Abruzzo !

    Posted on venerdì 28 settembre 2018

    Pierluigi Biondi.jpg

    Pierluigi Biondi, leader del Movimento per le Aree Interne e Sindaco dell’Aquila

     

    Il “Movimento per L’Aquila- Per le Aree Interne” aderisce con entusiasmo al movimento per il riscatto delle bistrattate aree interne che vede nel Sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi il naturale leader ed organizzatore.  Un movimento che viene veramente dal basso, dai sindaci e dal territorio,  per mettere insieme le persone di buona volontà che vogliano andare oltre le singole appartenenze partitiche e ritrovarsi intorno ad un condiviso progetto di crescita armonica di tutto l’Abruzzo.

    Il “Movimento per L’Aquila- Per le Aree Interne”  mette  a disposizione le sue competenze specialistiche e la sua pluriennale esperienza e  conoscenza del territorio per elaborare un programma di governo realistico e rilevante in vista della imminente scadenza elettorale regionale.

    Molti sindaci e molti amministratori vivono con crescente disagio l’emarginazione politica dei territori interni e montani. L’Abruzzo a guida Luciano D’Alfonso (PD) è tornato ad essere gli Abruzzi: una costa forte, attrattore di buona parte degli investimenti pubblici, ed il resto dell’Abruzzo sempre più emarginato, spopolato, abbandonato.

    E’ giunto il tempo di tornare a far sentire la nostra voce, a riconquistare la nostra dignità, a rivendicare le responsabilità che il nostro ruolo ci assegna.

    E’ il momento credo sia giunto il tempo di un nuovo protagonismo delle aree interne, contro ogni tentativo di marginalizzazione. E dato che le idee camminano sulle gambe degli uomini, il “Movimento per L’Aquila- Per le Aree Interne” aderisce senza se e senza ma alla candidatura di Pierluigi Biondi alla presidenza della Regione Abruzzo,  guida di un ampio movimento del territorio che comprende sindaci, amministratori, associazioni, gente perbene, movimenti civici ed anche quelle organizzazioni politiche non schiave di interessi estranei alle esigenze reali dei cittadini.

    Il “Movimento per L’Aquila- Per le Aree Interne” sottoscrive quindi il  “manifesto di valori” – per riprendere le recenti  parole di Biondi –  che, “nel riconoscere il concetto della città-territorio come elemento portante e dell’Aquila come fulcro strategico di questo progetto, parli di concetti fondamentali come ricostruzione, sanità, ambiente, turismo, innovazione e molto altro”.

    Le Aree interne, dopo cinque anni di Governo a guida PD, vivono un profondo malessere economico ed insieme un grave deficit  di rappresentanza politica. Occorre tornare tutti insieme ad impegnarsi per il futuro delle aree interne e del Capoluogo.  Occorre un progetto, ed una forte attenzione alla dimensione concreta delle cose da fare sarà l’elemento caratterizzante la nostra azione.

    La responsabilità è pure della comunità aquilana: i dieci anni a guida Cialente sono stati politicamente devastanti, la Città si è adagiata per buona parte nell’aurea medianità, nella cultura della rendita, nella passività e sudditanza politica ai centri di comando e controllo a guida costacentrica.  L’errore storico della classe politica aquilana è stato quello di non compiere per troppo tempo alcuna scelta, in riferimento a nessuno dei settori critici per lo sviluppo del territorio.    Per combattere lo spopolamento dei giovani, per bloccare la fuga di cervelli, per attrarre nuove imprese e nuovi talenti, per inventare nuove attività, per promuovere veramente il turismo, occorre puntare alla valorizzazione congiunta di risorse ambientali e culturali, di ricerca e innovazione, di pubblica amministrazione e servizi alle attività produttive, di infrastrutture materiali ed immateriali, di strutture assistenziali. Tutto ciò non costituisce una naturale evoluzione di trend spontanei di sviluppo, ma può essere l’esito possibile di politiche coraggiose.  La comunità aquilana deve reclamarle ed occorre realizzarle nell’interesse di tutti gli abruzzesi.  Il malessere cittadino può ora sfociare in proposta politica di dimensione regionale, e non deve restare solo analisi accademica o peggio campanilistico piagnisteo.

    Il “Manifesto dei valori – Aree Interne 4.0” già ampiamente abbozzato ed  in corso di arricchimento  vuole quindi essere un innesco, un incubatore, un metodo, un processo democratico per elaborare una specifica iniziativa sul capoluogo, coinvolgendo nel confronto un ampio articolato sociale, produttivo e culturale.

    Pierluigi Biondi è il candidato naturale alla presidenza della Regione Abruzzo. Chi non lo vuole, è nemico delle aree interne e vuole perpetuare una inaccettabile ed ingiusta situazione di dualismo territoriale.

    Ora occorre trasformare il Manifesto in un programma elettorale, in una ottica di crescita di tutto l’Abruzzo.

    Rifiutiamo ogni becero campanilismo: l’Abruzzo è uno ed uno solo –  è la costa, è l’area interna teramana, è l’aquilano, è la Marsica, è Sulmona ed è Castel di Sangro – e deve crescere nel quadro di un progetto coerente e in ottica di valorizzazione delle suscettività del complesso e variegato articolato delle comunità locali che lo compongono.

    Con Biondi si può. Una occasione irripetibile per L’Aquila, per tutti gli abruzzesi. Sono ore decisive, giochiamole bene!

     

    Prof.Piero Carducci

    Movimento per L’Aquila – Per le Aree Interne

     

     

     

    MpL Comunicazione @ 10:27
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *