• Calendario/Archivio

  • dicembre: 2020
    L M M G V S D
    « Nov    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
    Morcellini boccia Nature

    Posted on giovedì 15 settembre 2011

    Su www.ilcapoluogo.it, l’analisi pubblicata dalla rivista scientifica Nature, secondo la quale in occasione del terremoto che nel 2009 ha colpito l’Aquila sono stati fatti troppi errori di comunicazione, viene commentata dal direttore del Dipartimento di Comunicazione e Ricerca sociale dell’Universit La Sapienza di Roma, Mario Morcellini. L’esperto giudica l’analisi di Nature “non condivisibile”.

    E’ sorprendente – commenta – che tale articolo venga pubblicato proprio nell’imminenza dell’avvio del processo che coinvolge i componenti della Commissione Grandi Rischi.E’ troppo facile – sottolinea l’esperto – dire che in quell’occasione bisognava ‘comunicare bene’, soprattutto perch, come si riscontra anche nell’articolo, i terremoti non sono scientificamente prevedibili. In generale, secondo Morcellini, ci che la rivista scientifica avrebbe dovuto spiegare, cos come insegna la letteratura scientifica in caso di emergenza, che il primo obiettivo di un operatore pubblico ridurre l’ansia collettiva e il panico. Il punto, osserva, che in occasione del terremoto all’Aquila si determinato un problema al livello dei mezzi stessi di comunicazione: c’ stato cio un ritardo nella tempestivit delle notizie, con le radio locali che, nell’era della multimedialit, sono state le prime a comunicare ci che stava accadendo. Andrebbe inoltre approfondita l’analisi sul come i messaggi sono stati veicolati: Nell’emergenza sono infatti due – afferma Morcellini – i mezzi cui ci si affida: la tv ed i rapporti interpersonali. E va sottolineato – aggiunge – che la percezione del rischio non tanto dovuta ad un eventuale messaggio iniziale, quanto al modo in cui sono rielaborati i messaggi veicolati dalla tv. Per questo, rileva, i messaggi nelle emergenze dovrebbero essere iper-semplificati. Ad ogni modo, il giudizio di Morcellini, quella pubblicata da Nature appare un’analisi piuttosto gracile di una tematica elaborata; un’analisi – prosegue – un po’ sommaria e ‘per tesi’, come se il giudizio finale fosse gi fissato in partenza. Insomma, conclude l’esperto di comunicazione,”un giornalismo che si trasforma nella Corte dei Conti rischia, anche nel caso del giornalismo scientifico, di non essere un buon giornalismo.

    MpL Comunicazione @ 11:17
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com