• Calendario/Archivio

  • novembre: 2019
    L M M G V S D
    « Ott    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  
    Militari, ora basta

    Posted on martedì 30 giugno 2009

    L’Aquila sembra la Cecchignola. Una città militare più che militarizzata.  Con la scusa del G8, si intensificano controlli non sempre giustificati, si bloccano strade, si decidono incomprensibili divieti di viabilità in aree non pericolose,  dove fino a pochi giorni orsono si circolava almeno a piedi. Riceviamo a tale proposito molte proteste di cittadini infuriati per la totale chiusura del Parco del Castello, fino a ieri l’altro aperto al pubblico ed unico polmone verde rimasto per i residenti in città. Da ieri i posti di blocco della Fontana Luminosa sono stati avanzati fino a quasi il Bar dello Stadio ed alpini (neanche troppo educati, ci viene riferito) impediscono l’accesso anche ai vecchietti che vogliono portare il cane a fare una passeggiata ai giardinetti di  Viale delle Medaglie d’Oro. 

    Ci siamo recati a verificare, ed è tutto vero. L’alpino di guardia, alla nostra richiesta di spiegazioni, ha risposto ruvidamente "eseguo solo ordini".

    Ma chi li dà questi ordini assurdi?  Cosa c’entra il G8 con i giardinetti del Castello?  Chi è rimasto nell’inferno cittadino, dove può fare una passeggiata dato che è tutta una caserma ormai? E chi gli ordini li fa rispettare, non dovrebbe valutare le diverse situazioni e le diverse circostanze?

    Ai cittadini viene impedito l’accesso a luoghi pubblici,  lontanissimi dal G8 e questo pone seri problemi per la nostra "democrazia" (o presunta tale).  L’Aquila è una città militarizzata. Ora basta divieti, chiedono molti cittadini.  Si possono  e devono trovare soluzioni idonee a favorire la libera circolazione nei luoghi pubblici già in sicurezza. 

    La volontà degli aquilani di contribuire alla rinascita dell’Aquila si infrange  con una evidente militarizzazione della città che,  comprensibile per  la zona rossa,  diventa invece assurda per molte altre zone,  dove invece i cittadini dovrebbero avere libero accesso.

    Anche passeggiare nei giardinetti del Castelllo fa parte di quella normalità che gli aquilani vorrebbero, e che si vedono ogni giorno negata
    . Una normalità  che dovrebbe essere ricercata anche dalle autorità e salutata come un contributo alla ripresa della vita cittadina.

    MpL/Com

    MpL Comunicazione @ 11:13
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *