• Calendario/Archivio

  • gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Nov    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
    Mezzogiorno, lo sviluppo negato

    Posted on mercoledì 11 giugno 2014

    Se la crisi ha colpito duro l’intera economia italiana nel 2013, il Mezzogiorno subisce gli effetti piu’ pesanti sia in termini di Pil che sotto il profilo dell’occupazione. La questione meridionale è più che mai attuale ma, dopo 50 anni di politiche fallimentari per il Sud,  semplicemente non se ne parla più.Il crollo del prodotto interno lordo, che nella media dell’intero territorio nazionale e’ stato pari all’1,9%, sottolinea l’Istat, ha segnato una dinamica piuttosto diversificata a livello territoriale, con una riduzione decisamente meno marcata del dato complessivo nel Nord-ovest (-0,6%), poco meno intensa nel Nord-est (-1,5%), in linea con il dato nazionale nel Centro (-1,8%) e molto piu’ accentuata nel Mezzogiorno (-4%). Nel Nord-ovest le forti diminuzioni del valore aggiunto registrate nel settore primario (-3,1%) e nell’industria (-3,3%) sono state in buona parte controbilanciate dall’aumento dell’1,1% nei servizi. Nel Nord-est la contrazione dell’attivita’ economica e’ decisamente piu’ accentuata nel settore dell’industria (-3,4%), meno marcata in quello terziario (-0,4%). L’agricoltura, in controtendenza, ha registrato un aumento del valore aggiunto del 4,7%. Nel Centro la diminuzione del valore aggiunto ha avuto intensita’ simili nei tre settori: -1,2% nel settore primario, -1,4% nell’industria e -1,5% nel terziario. Risultati particolarmente negativi si registrano nel Mezzogiorno sia per l’industria che per i servizi, con cadute del valore aggiunto rispettivamente dell’8,3% e del 3,1%. L’agricoltura ha segnato un calo moderato, pari allo 0,3%.

    Il Sud si conferma fanalino di cosa anche sul fronte dell’occupazione che rispecchia le dinamiche del valore aggiunto. E’ infatti nel Mezzogiorno che si registra la diminuzione piu’ marcata (-4,5%) e nel Nord-ovest quella piu’ contenuta (- 0,3%), mentre Nord-est e Centro mostrano cali, rispettivamente, dell’1,6% e dell’1,2%. Maggiori disparita’ territoriali si registrano per l’occupazione del settore industriale. Il calo e’ particolarmente pronunciato nel Mezzogiorno (-7,7%) e piu’ contenuto nelle regioni del Centro (-0,7%). Nelle regioni del Nord la riduzione di occupazione nell’industria e’ pari a -3,5% nel Nord-est e a -2,9% nel Nord-ovest.

    MpL Comunicazione @ 00:22
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com