• Calendario/Archivio

  • ottobre: 2019
    L M M G V S D
    « Set    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
    Mettereste il Museo del Pesce sul Gran Sasso?

    Posted on martedì 16 dicembre 2014

    In un impeto di creatività a qualcuno potrebbe venire in mente di costruire il museo del pesce in un paese alle pendici del Gran Sasso, che sia sul versante aquilano o teramano fa lo stesso. A rigor di logica forse sarebbe meglio sfruttare Martinsicuro o Vasto, Giulianova o Pescara visto che lì ci sono i porti, i pescatori, le reti, le barche, i mercati, i ristoranti e cioè i veri attori che da sempre si intendono di pesca, cucina, promozione e commercializzazione dei prodotti dell’Adriatico.

    L’esempio può apparire forzato ma serve come spunto di riflessione sulla questione e le polemiche scaturite dall’assegnazione a Carsoli invece che al Crab di “Cibus”, il Museo del cibo.

    Senza entrare nella diatriba al vetriolo tra il Patto Territoriale e il Comune di Avezzano, le malelingue dicono che è solo un round del braccio di ferro per misurare i nuovi rapporti di forza e stabilire la leadership politica marsicana. Sarà così? Non lo sappiamo. Di sicuro spostando “Cibus” dal Crab a un capannone di Carsoli chi ci perde sono i paesi del comprensorio fucense: Avezzano, Celano, San Benedetto, Trasacco, Luco dei Marsi e così tutti quei paesi che stanno nel Fucino, lavorano la terra e producono ogni ben di Dio nella piana.

    Va bene che Carsoli è la porta della Marsica per chi viene da Roma ma i contadini, i trattori, le macchine per raccogliere patate e carote, stanno dentro il Fucino. Gli attori istituzionali e del mondo produttivo agricolo hanno ormai accettato di misurarsi con il progetto ambizioso di legare ricerca applicata, produzione, trasformazione in loco e commercializzazione dei prodotti del Fucino. Una filiera corta per il rilancio dell’economia del territorio attraverso il settore primario che passa necessariamente per il Crab che va protetto e potenziato in quell’ottica, soprattutto in relazione alle figure professionali di alto livello che il Centro offre.

    Con buona pace delle ragioni che hanno spinto a scegliere Carsoli, forse a rigor di logica sarebbe stato meglio sfruttare il Crab che sorge a non più di qualche centinaio di metri da Fucino.

    Luigi Salucci, direttore AvezzanoInforma

    tratto da www.avezzanoinforma.it

    MpL Comunicazione @ 19:53
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *