• Calendario/Archivio

  • novembre: 2019
    L M M G V S D
    « Ott    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  
    Per non dimenticare le cialentate – IV

    Posted on sabato 21 aprile 2012

    2 ottobre 2010 – I veleni di Cialente: chi critica il Sindaco è un traditore della Città. Il modulo di propaganda del sindaco è semplice: chi non è come me è contro di me. Cialente chiude la città, L’Aquila si isola dal resto del Paese

    “La nostra città ha sempre dovuto fare i conti con i traditori, che di notte, sotto assedio, non esitavano ad aprire le mura al nemico. Anche adesso c’è chi attacca il Comune dell’Aquila, in questo modo tradendo la citta‘”. Lo ha detto, sì lo ha proprio detto,  il sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente nel corso di una conferenza stampa. Chi critica il sindaco e l’amministrazione comunale, è da oggi un traditore. Parola del democratico Cialente, quello della ricostruzione partecipata, della ricostruzione dal basso, quello delle interviste fiume a TV1 dove fa la parte del martire contro tutti, quello che pretende l’immunità su tutto quello che fa, quello che vuole abolire il diritto di critica,  quello che pensa che L’Aquila sia una città feudale e che il suo potere derivi da Dio, quello degli accordi con il Governo che prima andavano bene ed ora non vanno più bene perché non è solo lui a gestire la torta, quello amministrativamente incapace, politicamente insipiente e voltagabbana, quello che non ha più la maggioranza, quello che non sa disciplinare neanche il traffico, quello che si è incartato sulla ricostruzione…… insomma quello che non è capace di fare il sindaco e getta la croce sugli altri. Quello che dovrebbe dimettersi, ma non si dimette, e quindi finirà per distruggere L’Aquila. Sì è proprio quello, e noi siamo traditori perché critichiamo il Comune, il sindaco-che-non-c’è e l’Amministrazione tutta.
    Un branco di incompetenti ed incapaci ci porterà alla rovina. Magari si potessero aprire le porte della città (che non ci sono quasi più) e fare entrare un moderno Braccio da Montone per fare piazza pulita! Magari si potesse.  Il nemico è dentro le mura, caro Cialente, è nel Palazzo  comunale e non è fuori ad assediare le macerie.

    MpL Comunicazione @ 20:00
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *