• Calendario/Archivio

  • agosto: 2018
    L M M G V S D
    « Lug    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  
    Le banche fanno male a Renzi. PD in calo

    Posted on venerdì 22 dicembre 2017

     

    Le banche fanno decisamente male al PD di Matteo Renzi.  I sondaggi (Youtrend per AGI) assegnano al PD il peggior risultato storico (24,1%) ed in progressivo calo nelle ultime settimane. Secondo gli analisti è davvero difficile non cogliere un nesso con le rivelazioni che, via via, emergono sulle banche e non solo Etruria.

    Sulle banche Renzi appare sulla difensiva. Non è riuscito il disegno originario di scaricare la responsabilità su Bankitalia ed il PD non riesce a imporre l’agenda politica né a spostare l’attenzione dell’opinione pubblica su altro argomento.

    La Supermedia di questa settimana (basata sui dati di 8 istituti diversi di sondaggistica) ci dice che il Movimento 5 Stelle è saldamente al primo posto fra le liste con il 27,3%. Tuttavia, i pentastellati non risecono ad approfittare della evidente crisi del PD. Discorso analogo per il centrodestra, fermo rispetto alla scorsa settimana. Forza Italia si è ormai attestata al terzo posto (15,4%), due punti esatti sopra la Lega (13,4%), con Fratelli d’Italia stabile di poco sopra il 5%. Il dato di coalizione del centrodestra (35,8%) è molto superiore a quello delle altre due aree (M5S e Centrosinistra) e la sofferenza del PD sprofonda il centrosinistra al 28%.

    Il vantaggio del centrodestra come coalizione potrebbe rivelarsi decisivo nei collegi uninominali. Non quotabile ad oggi la “quarta gamba” del centrodestra, la lista centrista che raccoglie vari esponenti, transfughi del PD, movimenti che si definiscono “civici” che dovrebbe portare qualche altro “zero virgola” alla coalizione saldamente guidata da Forza Italia (e di qui il nervosismo di Salvini che non sfonda come consenso).

    In crescita Liberi e Uguali, il movimento alla sinistra del PD che si è scelto come leader Pietro Grasso. Il neomovimento viaggia sopra il 6% (addirittura vicino al 7% secondo alcuni istituti) ed anche questo aumento spiega il calo dei democratici, almeno di quelli delusi da Renzi-Boschi e compagnia bella.

     

    MpL Comunicazione @ 12:01
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *