• Calendario/Archivio

  • febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  
    Laicismo e laicit

    Posted on giovedì 31 gennaio 2008

    Si legge e discute molto di laico, laicismo, laicità e come sulla Torre di Babele comprendersi è difficile. Eppure tanto risulta difficile definire compiutamente il laico quanto dovrebbe ormai essere chiaro ciò che il laico non è. Laico non è contrario di credente e laicità non è un indirizzo filosofico o identificazione con un credo o una ideologia antireligiosa. Laicità significa saper tenere seprati e distinti gli ambiti di competenza dell’autorità religiosa da quelli dello Stato. Il laico è colui che sa indirizzare il proprio dubbio anche sulle sue certezze ed è capace di credere in alcuni valori con nla stessa forza e consapevolezza con cui ragiona dell’esistenza di altri valori altrettanto rispettabili. Il laico dovrebbe saper distinguere tra il sentire “di pancia” e il sentire “di testa” per non svilire i pensieri e i sentimenti nel fanatismo. Il laico è capace di autoironia su ciò che ama, pur continuando ad amarlo ma la sua faziosità diventa speculare alla intolleranza fondamentalista in un connubio antilaico che non sa più individuare il rapporto e le differenze tra un comandamento di Dio e un articolo di legge. Il laico, anche cattolico fervente, difende con forza la distinzione tra lo Stato e la Chiesa e fa di tutto per opporsi ad eventuali ingerenze, per riconoscere libertà di espressione a tutte le confessioni, perché si attui un grande principio laico, sancito proprio dal Vangelo: di un Cesare e un Dio cui dare ognuno il suo. E se in questo sforzo utilizza forme di intolleranza e chiusura eguali se non superiori a quelle attribuite ad una fede e alla sua chiesa allora semplicemente non è frutto di un sentire e di un impegno autenticamente laico. Perché laico non può coincidere con la denigrazione ma con il rispetto dei distinguo, non può ridursi a fomentare più che a tollerare le diversità, non può significare soverchiante supponenza rispetto alla capacità di dialogo e di critica e di risposta a chi chiede con insistenza di dar conto del chi sei, oggi, laico?
    Paola Leccese

    MpL Comunicazione @ 13:09
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *