• Calendario/Archivio

  • novembre: 2018
    L M M G V S D
    « Ott    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  
    La manovra italiana non è folle

    Posted on lunedì 29 ottobre 2018

    Risultati immagini per commissione europea

    Sulla manovra economica del Governo italiano la Commissione europea sta commettendo un grave errore dalle conseguenze devastanti per la stessa Europa

    La manovra economica del Governo italiano, improntata al rigore di un grande economista keynesiano come Paolo Savona, è tutt’altro che folle.  Sulla prestigiosa rivista economica   Bloomberg ,  interviene il noto economista Ashoka Mody che promuove la manovra italiana, malamente rigettata dalla Commissione Europea.  L’Italia, secondo Ashoka Mody necessita di uno stimolo fiscale immediato, necessario a rimettere in moto l’economia e l’occupazione. L’incomprensibile rigidità della Commissione Europea rischia invece gravi conseguenze politiche e di  scatenare una nuova crisi economica, poiché con le dichiarazioni dei commissari europei si sta mettendo sotto pressione il già fragile sistema bancario italiano. Occorre avviare un dialogo costruttivo.  I commissari europei – se non vogliono la catastrofe –  devono  rivedere velocemente le loro posizioni. 

    L’Autore: Ashoka Mody is a visiting professor in international economic policy at Princeton University. Previously, he was a deputy director at the International Monetary Fund’s research and European departments.

    di Ashoka Mody, 26 ottobre 2018

    I leader europei sono intervenuti duramente contro l’Italia a causa del programma italiano per aumentare la spesa, al fine di stimolare la crescita ed aiutare i poveri. Quello che non riescono a riconoscere è che un piccolo stimolo potrebbe essere proprio quello di cui l’economia italiana ha bisogno.

    La previsione è che l’economia globale stia peggiorando più velocemente di quanto gli analisti pensino. Un rallentamento in Cina ha colpito il commercio globale, le esportazioni europee stanno rallentando, e il sentiment delle imprese dell’eurozona è in forte calo. Tutto questo non può che avere conseguenze sull’Italia, dove la produzione industriale sta a malapena crescendo e una recessione potrebbe essere imminente.

    Questo è il contesto nel quale si dovrebbe valutare il dibattito sempre più stridente tra Roma e Bruxelles. Il nuovo governo italiano, guidato dal partito di destra della Lega e dal movimento anti-establishment Cinque Stelle, ha proposto uno stimolo fiscale che l’anno prossimo causerà un aumento del deficit di bilancio al 2,4% del PIL. La Commissione Europea ha respintoil piano come irresponsabile, scatenando un confronto che ha incluso un episodio in cui un eurodeputato italiano ha sbattuto una scarpa sul tavolo all’Europarlamento e un crudo scambio di parole su Twitter. In mezzo alla discordia, i rendimenti sui titoli di stato italiani a 10 anni hanno continuato a salire.

    Tuttavia se l’economia italiana è in stallo, lo stimolo fiscale può essere l’unico mezzo per evitare una pericolosa recessione, che potrebbe gettare l’Italia in una crisi ingestibile. Quello che è sicuro è che l’insistenza della Commissione Europea a che l’attuale governo italiano onori l’impegno del suo predecessore a ridurre il deficit di bilancio è del tutto irragionevole. L’austerità peggiorerà la congiuntura negativa e quindi aumenterà l’onere del debito pubblico (espresso in percentuale sul PIL). Questo, a sua volta, aggraverà piuttosto che attenuare le tensioni sui mercati.

    Entrambe le parti dovrebbero concentrarsi invece sulla dimensione dello stimolo, perché possa essere gestibile, e sul modo migliore di spendere i soldi. L’Italia si trova di fronte a dei vincoli stringenti: il rapporto debito-PIL del paese, circa al 132%, è già estremamente alto. È quindi cruciale che la spesa aggiuntiva non spinga il deficit di bilancio oltre l’obiettivo governativo del 2,4%. A questo fine, il governo deve mitigare le sue proiezioni di crescita eccessivamente ottimistiche e, allo stesso modo, ridurre alcune delle sue spese, per evitare che il disavanzo finisca con l’essere più grande di quanto pianificato in termini di PIL.

    Relativamente a come spendere il denaro, la raccomandazione classica – ovvero che il denaro dovrebbe essere investito in infrastrutture o in altri investimenti a lungo termine – potrebbe non essere una priorità immediata. Il governo italiano ha fatto per lungo tempo avanzi di bilancio (escludendo gli interessi sul debito), in periodi nei quali la crescita è stata lenta e la crisi finanziaria ha rovinato segmenti considerevoli della popolazione. Come hanno notato economisti del Fondo Monetario Internazionale, questo costante “stringere la cinghia” crea una domanda repressa di tagli alle tasse o di spesa pubblica per alleviare il malcontento sociale. Il sostegno finanziario alle famiglie a basso reddito, per esempio, potrebbe essere particolarmente efficace, perché il denaro andrebbe a persone che è più probabile che lo spendano.

    La guerra di parole tra la Commissione Europea e il governo italiano non porta da nessuna parte.

    In linea di principio, la commissione può imporre sanzioni pecuniarie se l’Italia ignora le sue raccomandazioni, ma persino la cancelliera tedesca Angela Merkel ha riconosciuto che farlo serve soltanto a “portare all’insolvenza in modo particolarmente veloce”. In ogni caso, queste sanzioni sono destinate al fallimento politico: i capi di governo che formano il Consiglio Europeo, che deve autorizzare qualsiasi azione, non imporrano sanzioni per paura che in futuro possa toccare al proprio paese.

    Le politiche vaghe e incostanti del governo hanno causato preoccupazione nei mercati. Detto questo, anche le dure dichiarazioni dei funzionari della Commissione Europea sull’Italia hanno fatto salire il costo del credito. Qualcuno potrebbe vederlo come un utile strumento di pressione per tenere l’Italia al suo posto, ma è come giocare col fuoco in una polveriera. Rendimenti crescenti e prezzi dei titoli pubblici in discesa portano altra tensione sulle già fragili banche italiane, che detengono grandi quantitativi di titoli di stato.

    Le sofferenze del sistema bancario, a loro volta, possono richiedere salvataggi che peggiorano ulteriormente le finanze pubbliche. Un rallentamento dell’economia globale peggiorerà soltanto questa dinamica, spingendo le fragili banche e le finanze pubbliche in una spirale negativa. In un ambiente così pericoloso, l’incapacità di praticare una discussione costruttiva potrebbe precipitare in un disastro economico e politico. D’altra parte, cambiare la narrativa per dare legittimità ad un modesto stimolo italiano riassicurerà gli investitori e calmerà i mercati. I funzionari europei dovrebbero riconsiderare la loro posizione velocemente.

    °°°

    tratto da:

    https://www.bloomberg.com/opinion/articles/2018-10-26/italy-s-budget-isn-t-as-crazy-as-it-seems

     

    vedi pure:

    http://www.dagospia.com/rubrica-4/business/io-penso-positivo-borsa-milano-chiude-sprint-spread-186677.htm

     

    MpL Comunicazione @ 22:13
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *