• Calendario/Archivio

  • settembre: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  
    Insetti da mangiare

    Posted on lunedì 6 ottobre 2008

    Forse nelle mense aquilane, dopo il caso del verme vivo,  si vuole sperimentare l’utilizzo degli insetti come risorsa alimentare.   Scherzi a parte, gli insetti sono considerati dalla scienza come risorsa per risolvere il problema della fame nel mondo. E poi sono buoni e fanno bene. Suona quasi come un appello quello che arriva da un gruppo di ricercatori dell’università statale dell’Ohio, secondo i quali l’"Occidente sbaglia a snobbare questo genere di alimento". Non solo: anche la Fao ha recentemente tenuto una conferenza per sostenere e difendere i benefici dell’entomofagia. Secondo i ricercatori americani, l’uomo potrebbe tranquillamente nutrirsi di ragni e cavallette: "Buoni e saporiti, forniscono un elevato apporto nutriente".  L’elenco degli animali che non riescono ad arrivare su un piatto occidentale è lungo: dalle formiche, alle vespe e persino ai maggiolini. Tutti costituiscono un’importante risorsa alimentare per l’uomo. Se il loro consumo prendesse piede, non solo si riuscirebbe a limitare l’uso di pesticidi, ma si ridurrebbe notevolmente l’impatto dell’uomo sulla catena alimentare.

    "Gli insetti sono uno degli alimenti più buoni, prelibati e al tempo stesso sottoutilizzati al mondo", dice David George Gordon, un naturalista di Seattle, che aggiunge: "La nostra cultura è una delle poche che si rifiuta di introdurli nell’alimentazione tradizionale: forse siamo noi ad essere sbagliati". Un vero peccato, dicono gli esperti, visto che questi animali contengono moltissime proteine e, soprattutto, hanno meno grassi saturi e colesterolo, rispetto alle carni "tradizionali". Per il professor Gene DeFoliart, dell’università del Wisconsin, gli insetti conducono un’esistenza "salubre", a livello di scelta dell’habitat e del cibo da consumare.

    Sono 1700 le specie di insetti commestibili e 1400 specie di insetti e vermi vengono già consumati in Africa, America Latina e Asia. Tra i piatti prelibati: frittata di lombrichi, brodino di locuste,  fagottino di termiti, bruchi fritti,  farfalle del Madagascar in pastella, tartina di cimici, insalata di ragni crudi.

    Mamma mia che schifo….la Fao, comunque, non si dà per vinta: "Ci vorrà del tempo, è solo una questione di abitudine".

    MpL Comunicazione @ 14:59
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com