• Calendario/Archivio

  • agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
    Incredibile Cialente

    Posted on lunedì 28 febbraio 2011

    Sono settimane che gli aquilani sono costretti a fare file interminabili per dire al Comune ciò che il Comune già dovrebbe sapere sulla Tarsu. Oggi l’incredibile dichiarazione di Cialente che, ancora di più, dimostra lo sfasciume confusionario in cui si trova questa Amministrazione. “Mi scuso con i cittadini – dice il "sindaco che non c’è" –  per i disagi che hanno dovuto subire a seguito della necessità di fornire agli uffici comunali i propri dati ai fini dell’inserimento a ruolo della cartelle per la Tarsu. Si trattava, purtroppo, di un sacrificio necessario perché, con il sisma, abbiamo perso, oltre alle sedi, anche parte delle nostre banche dati. In compenso questo aggiornamento potrà essere utilizzato anche per l’Ici”.   Non siamo d’accordo:  Cialente dovrebbe sapere che tutti gli amministratori di sistemi infomativi prevedono più copie di sicurezza (backup) degli archivi di dati situati in luoghi remoti,  perché un sistema può andare fuori uso per varie cause (non solo per il terremoto,  ma più banalmente per un corto circuito, un incendio,  un fulmine o una manovra errata). Quindi delle due l’una: o al Comune dell’Aquila sono stati spesi centinaia di migliaia di euro per ottenere un sistema informativo privo di copie di sicurezza (e che non rispetta quindi  l’"abc" dell’informatica), oppure il Sindaco racconta balle spaziali.

    “Dopo il sisma – continua il Sindaco che non c’è  – le utenze relative alla Tarsu sono state chiuse al 5 aprile 2009. Nel corso del 2010 gli uffici hanno provveduto a riattivare automaticamente le utenze, a seguito delle comunicazioni di agibilità. Tuttavia, non sempre è stato possibile incrociare i dati, dal momento che, nella maggior parte dei casi, la comunicazione di agibilità era stata fornita dal capo condomino, a nome del quale risultava l’esito. Era pertanto praticamente impossibile, soprattutto nel caso di condomini, risalire alle singole utenze". Non siamo d’accordo: se i dati non sono stati incrociati è per errata progettazione ed applicazione delle procedure. L’errore è a monte e gli amministratori di condominio non c’entrano niente. 

    "A questo problema – ha proseguito Cialente – se ne sono aggiunti altri, quali il cambiamento di denominazione di alcune strade, a fronte di una mancata comunicazione al comune da parte dei cittadini del nuovo indirizzo di residenza, ai fini di poter aggiornare i dati che pertanto, anche in questi casi, non coincidevano. Mancavano, inoltre, i riferimenti catastali, problema a cui si stava lavorando già prima del sisma per aggiornare e completare le cartelle. A questo si deve aggiungere che, purtroppo, il Comune dell’Aquila, a seguito del sisma, affronta quotidianamente un sopravvenuto ed esorbitante carico di lavoro a fronte di persistenti carenze di organico e dunque, agli uffici preposti a ricevere le cartelle Tarsu, vi sono solo quattro unità a tempo determinato”. Non siamo d’accordo: gli aquilani "desaparecidos" sono una manciata. Il Comune sapeva benissimo da mesi il domicilio di chi riceve o riceveva il CAS, come sa benissimo chi abita il progetto CASE e chi continuava ad abitare a casa sua essendo l’esito A.

    “Ho provato a concedere ulteriori proroghe, oltre alle due già concesse rispetto al termine perentorio del 20 gennaio – ha spiegato ancora Cialente – ma il regolamento comunale e soprattutto la legge nazionale, non consentono ulteriori deroghe. Ricordo che, comunque, le domande possono essere presentate, oltre che agli uffici Tarsu, anche al Protocollo generale, sito nella sede di via Scarfoglio, oppure inviate per posta ordinaria, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, o per posta elettronica”.

    Insomma, fate la fila e zitti. Questo è il Comune dell’Aquila nell’era Cialente. Facciamo la fila, ma almeno il sindaco eviti di prenderci per i fondelli.

    MpL Comunicazione @ 19:21
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com