• Calendario/Archivio

  • luglio: 2020
    L M M G V S D
    « Giu    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  
    Il Pdl rinuncia all’autocritica

    Posted on martedì 19 giugno 2012

    Il Pdl non ritiene si debba fare una seria e serena autocritica dopo la disfatta subita alle ultimi amministrative, dove in particolare il caso aquilano (le primarie fasulle e la candidatura di Properzi) avrebbe meritato ben altra riflessione.

    Ieri la riunione del coordinamento regionale del Pdl a Francavilla. Sul tavolo il voto delle amministrative, che ha fatto registrare al partito un sonoro ko in Abruzzo, e l’agenda politica della giunta regionale. “Abbiamo messo in piedi una serie di ragionamenti” spiega Piccone, che ad Abruzzo24ore.tv  indica le priorità individuate dal plenum: “accelerazione sulla legge elettorale con l’abolizione del listino, sulla legge sull’edilizia, e sulla riforma delle Ater”.

    Al coordinamento regionale c’è stato anche tempo e modo di analizzare i risultati elettorali, ma Piccone avverte: “No a vendette e capri espiatori”. “Bisogna prendere atto degli errori fatti per non ripeterli – aggiunge il senatore -. Non credo che il problema siano le vendette, piuttosto serve un’azione di mediazione e rinnovamento. Non mi iscrivo nè al partito dei tagliatori di teste nè a quello di chi vuole far finta di niente”. Non sembrano dunque essere all’ordine del giorno rimpasto di giunta e dimissioni dei coordinatori, invocate da più parti. “Ci dovremmo dimettere tutti – aggiunge – allora vuol dire che i nostri avversari hanno sempre vinto? La Pezzopane deve scomparire dalla Terra perchè ha perso alla Provincia?  No, è un radicalismo che non ci appartiene”.

    Tutti restano al loro posto, insomma, osserva icasticamente Abruzzo24ore.tv.  Sull’ipotesi di una fine anticipata della legislatura, in modo da accorpare le elezioni regionali con quelle politiche, Piccone risponde con sprezzo alla proposta del centrosinistra: “Propongo piuttosto di prorogare a primavera 2014. Se proprio le vogliamo allineare allora votiamo l’anno successivo”. E aggiunge: “Abbiamo i numeri in Consiglio” per andare avanti. “La proposta dell’opposizione? I fatti non sono dalla loro”.

    Ma non tutti la pensano così. Per Luca Ricciuti c’è invece la necessità di un totale rinnovamento, con il “cambiamento dei soggetti che sono stati causa del problema”. Il problema, naturalmente, è la sconfitta elettorale. “Dobbiamo ricostruire il partito all’Aquila per evitare la sconfitta alla Regione” aggiunge il consigliere regionale, per il quale la presa d’atto del risultato non può bastare: “Ci dovranno essere atti conseguenti” torna a dire.

    MpL Comunicazione @ 11:10
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com