• Calendario/Archivio

  • ottobre: 2019
    L M M G V S D
    « Set    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
    Il Comune salva i furbetti del Cas

    Posted on mercoledì 7 agosto 2013

    L’Italia è il paese dei furbi e degli evasori che la fanno sempre franca.  Ma quando sono le istituzioni ad aiutare i furbi, è davvero troppo. I cittadini che hanno percepito indebitamente il contributo di autonoma sistemazione potranno restituire le somme in comode rate e senza interessi. Insomma il Cas indebito è diventato, per i furbi, una specie di finanziamento a costo zero.  Lo ha incredibilmente stabilito la giunta comunale.  Si va da un minimo di due rate per importi fino a 300 euro per arrivare ad un massimo di 24 rate per importi superiori a 2.500 euro. Il testo della delibera specifica anche gli scaglioni intermedi: 4 rate da 300 a 600 euro, 6 da (6 a 900 euro); 8 rate per importi compresi fra i 900 e i 1.200 euro; 12 rate da 1.500 a 2 mila euro. La rateizzazione è consentita solo su espressa e motivata richiesta del cittadino. Secondo il Comune «la maggior parte dei cittadini avrebbe percepito il Cas non dovuto in buona fede». Ed ancora, nella delibera, si legge che «la pubblica amministrazione contempera l’interesse pubblico con le primarie esigenze di vita del debitore, adottando nel recupero modalità tali da non incidere in modo significativo sulle esigenze di vita del debitore, anche in relazione alle diffuse problematiche di cittadini in difficoltà economica».  I cittadini che, correttamente, hanno rinuciato al Cas non avendone più diritto ne risultano quindi danneggiati.  L’amministrazione comunale invece di multare i furbi, li assolve:  chia ha approfittato del contributo non solo evita la denuncia penale  ma ha anche la possibilità di restituire con comode rate le somme inbitamente percepite. E tutti quelli sotto processo per il Cas percepito non dovuto? Anche per tale via si alimentano le disparità, nel paese di Pulcinella.

    MpL Comunicazione @ 17:32
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *