• Calendario/Archivio

  • aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  
    Il cielo azzurro di San Bernardino

    Posted on giovedì 28 giugno 2012

    Dopo tre secoli è  possibile ammirare il soffitto ligneo restaurato,  visto così da vicino solo dal suo creatore, Ferdinando Mosca da Pescocostanzo che lo intagliò e lo dipinse dopo il sisma del 1703.  A conclusione dell’intervento di restauro torna quindi all’antico splendore il cassettonato ligneo della chiesa di San Bernardino. Intagliato, dipinto e dorato sul cadere del primo quarto del Settecento, il manufatto ha subito un complesso intervento conservativo partito nello scorso autunno e finanziato dalla fondazione Carispaq.  Nei mesi scorsi è stato possibile visitare il cantiere del restauro grazie ad una piattaforma che ha permesso a migliaia di visitatori di osservare il cassettonato da pochi centimetri di distanza, un’esperienza davvero unica.

    Con una certa emozione la soprintendente Lucia Arbace ha annunciato che il restauro ha restituito all’opera, che occupa oltre 500 metri quadrati, la sua intonazione cromatica originaria. Riscoperto, infatti, il fondo azzurro, che era stato occultato da un verde in un rimaneggiamento successivo. Poi una curiosità: al centro del soffitto, all’interno del monogramma bernardiniano, analizzando il materiale utilizzato, i restauratori si sono accorti che per l’effetto di decorazione  a rilievo, Ferdinando da Pescocostanzo utilizzò i ceci di Navelli.

    Il soffitto ligneo è totalmente decorato da foglie d’oro zecchino a 23 carati e tre quarti.  I lavori sono andati avanti per quasi un anno e hanno avuto un costo di 300 mila euro finanziati dalla fondazione Carispaq che ha adottato anche il restauro della chiesetta della Madonna Fore che sarà inaugurata il 7 luglio prossimo.

    Da oggi il prezioso soffitto invece sarà di nuovo nascosto da un velo di tessuto non tessuto che lo preserverà durante i lavori di ristrutturazione architettonica della basilica. Anche questa ulteriore spesa è a carico della Fondazione Carispaq come annunciato dal presidente Roberto Marotta.
    Il 4 luglio prossimo saranno aperte le buste per l’affidamento dei lavori che avranno una durata di due anni. Poi finalmente la chiesa sarà restituita  alla città nel suo antico splendore.

    MpL Comunicazione @ 09:17
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com