• Calendario/Archivio

  • aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  
    Gran Sasso, un altro fallimento di Cialente

    Posted on venerdì 20 aprile 2012

    La commissione garanzia e controllo, questa mattina si è riunita sul Centro turistico del Gran Sasso, la spa a totale partecipazione pubblica, cioè ne è proprietario il Comune dell’Aquila, per cercare di capire cosa sta succedendo.La società dovrebbe essere privatizzata, così ha deciso il Consiglio comunale, ed entro il 30 aprile prossimo scadrà il termine utile per acquistare capitale azionario, da parte di privati, per una ricapitalizzazione da 8milioni di euro, da aggiungere ai quattro e mezzo attuali.
    Non è arrivata nessuna proposta, ancora, non era arrivata neanche a fine novembre, quando scadeva la prima fase dell’operazione, per un’offerta che la proprietà, cioè il Comune dell’Aquila, aveva aperto a società a partecipazione pubblica. La seconda fase, è invece a completa gestione del Centro turistico, cioé dell’attuale presidente Alessandro Commola, e si concluderà appunto a fine mese, dopodiché si prospetta la via del fallimento.
    Commola, è stato nominato presidente del Centro turistico a seguito delle improvvise dimissioni di Vittorio Miconi, che inspiegabilmente ad un certo punto ha mollato, lasciando appunto il posto a Commola, già presidente del collegio sindacale di Aquila Sviluppo, la società controllata da Invitalia, che pure ha un’opzione d’acquisto sul Centro turistico.
    Invitalia, prima Sviluppo Italia, “è l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, agisce su mandato del Governo per accrescere la competitività del Paese, in particolare del Mezzogiorno, e per sostenere i settori strategici per lo sviluppo. I suoi obiettivi prioritari sono favorire l’attrazione di investimenti esteri, sostenere l’innovazione e la crescita del sistema produttivo, valorizzare le potenzialità dei territori”, suggerisce il sito ufficiale.
    A questo punto cosa succederà al Centro turistico, rischia di essere svenduto?
    Ma il problema non è solo questo. Enzo Lombardi, presidente della commissione garanzia e controllo, questa mattina ne ha fatto una questione di legittimità, perché la prima fase del bando, anche se bando non sarebbe, bensì avviso pubblico, sarebbe stata gestita dalla proprietà cioè dal Comune dell’Aquila, la seconda, in corso, da Commola. Opzione che avrebbe deliberato lo stesso Consiglio comunale, ci ha tenuto a precisare la dirigente D’Ascanio, responsabile del settore per l’amministrazione.
    Il problema, per la commissione, sarebbe a questo punto collegare alla presunta legittimità dei vari passaggi, i fondi della legge mancia per la bonifica del sito Flextronics, acquisito proprio nel pomeriggio di oggi, dai liquidatori di Aquila Sviluppo.
    La realtà è che neanche un problema così complesso, è riuscito a catturare l’attenzione dei consiglieri comunali, stamattina commissari, i quali dopo l’appello hanno infilato per la gran parte l’uscita. A discutere, erano rimasti infatti Giuseppe Bernardi, di Sinistra per L’Aquila, il quale, e gli va dato atto, neanche si presenterà alla prossima tornata, e Gianpaolo De Rubeis, innervosito della piega che aveva preso la discussione, tanto da chiedere il numero legale, facendo chiudere subito subito la seduta.
    Meno male che Lombardi ha già deciso di convocarne un’altra, probabilmente porterà la questione anche in Consiglio comunale, per una seduta straordinaria da indire per motivi urgenti e indifferibili, cioè la fine del Centro turistico e la gestione della privatizzazione. Quest’urgenza l’ha percepita bene lui, e il collega Bernardi, peccato che entrambi, non siano in lizza per il voto di maggio, il resto dei consiglieri, purtroppo si.

    Alessandra Cococcetta per L’Editoriae

    MpL Comunicazione @ 15:28
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com