• Calendario/Archivio

  • gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Nov    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
    Gran Sasso abbandonato

    Posted on martedì 16 agosto 2011

    Bellissime giornate di sole a Campo Imperatore, tantissimi turisti raggiungono l’albergo. Ma la storia si ripete: tutto chiuso, non c’ un bar, non un ristoro, non un bagno. Solo un paninaro furgonato resiste indomito e tiene aperto l’unico punto di conforto della stazione di arrivo della funivia.E il Parco che fa? Solo chiacchiere, come tutte le istituzioni del resto…Nicola Iannarelli lancia l’ennesimo allarme sullo stato d’abbandono delle due strutture pubbliche: la politica, scrive, responsabile. La funivia che porta alla Villetta a Campo Imperatore schiusa – scrive -salvo qualche brevissima parentesi, dallaprile di 2 anni fa. chiusa nonostante i finanziamenti pubblici ricevuti per la sua messa in sicurezza. Lalbergo storico di Campo Imperatore e lostello che gli vicino sono ugualmente chiusi e in uno stato di totale abbandono. Praticamente le strutture pubbliche, bene comune e patrimonio della collettivit aquilana, da sempre meta privilegiata per qualche momento di svago e di vacanza, sono diventate inaccessibili, ingoiate inspiegabilemnte dal vortice del post terremoto, bench non abbiano riportato danno alcuno.Come se le macerie si fossero estese oltre la loro portata originaria e oltre ogni possibile immaginazione, scavando a fondo nel modo di pensare, di volere, di fare politica della classe dirigente di governo del nostro territorio. possibile? C infatti da domandarsi il perch un patrimonio pubblico tanto significativo nella vita degli abitanti locali, sul piano materiale e perfino simbolico, sia stato scippato, cancellato, mentre il Centro Turistico del Gran Sasso a cui le strutture fanno capo, continua a funzionare con tanto di consiglieri, presidente e vicepresidente del consiglio di amministrazione regolarmente retribuiti. La domanda leggittima: perch hanno sbarrato laccesso a queste strutture?

    Il sospetto sempre pi diffuso tra gli abitanti del posto – aggiunge Iannarelli – tra quelle migliaia di persone che quei luoghi lhanno da sempre attraversati, amati, protetti, valorizzati, che ci sia un atteggiamento politico voluto pericolosissimo, che va in due direzioni complementari: radicare in modo quanto pi diffuso tra i cittadini lansia del post terremoto, della ricostruzione e della gestione delle risorse che non ci sono, lansia dellemergenza fine a se stessa, dellattesa nellimmobilismo per lasciare che in sempre meno si gestica quel che c da gestire; e pi nello specifico, per quanto riguarda la funivia, lalbergo e lostello di Campo Imperatore, senza abusare di malevolenza lecito sospettare che si voglia dimostrare lincapacit del pubblico a gestire un patrimonio tanto importante, per metterlo nelle mani dei privati, finalmente. I cittadini aquilani, al contrario di questa cultura politica delle macerie e di ogni logica strumentale, vogliono tornare a vivere, guardando avanti e recuperando ogni spazio e luogo di socialit, di cultura, di vita.

    MpL Comunicazione @ 19:29
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com