• Calendario/Archivio

  • novembre: 2020
    L M M G V S D
    « Ott    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  
    Giuliante all’attacco su concorsone

    Posted on venerdì 30 novembre 2012

    Conferenza stampa di Gianfranco Giuliante, assessore regionale all’Ambiente, sul concorsone. “Ci sarà un esposto alla magistratura- dice Giuliante- i precari chiederanno di chiarire gli aspetti più controversi di questo che io continuo a definire un concorsone farlocco. E ciò per mancanza di trasparenza e chiarezza che fino a questo momento sono mancate, vista la confusione in cui si sono svolte le prove”.

    Nell’esposto, spiega Giuliante, si partirà da una considerazione: la pubblicazione con anticipo di un fac simile di domanda con risposta  suscitò un putiferio: esposti, denunce, proteste, un’indagine della magistratura, un funzionario dello Stato indagato. Poi venne fuori che delle 4.000 domande che dovevano essere secretate fino a un certo giorno di novembre, 2.300 erano note perché da tempo sul sito del Formez. Ma questo non suscitò scandalo. Oggi si arriva alla vicenda dei book trafugati. E’ penalmente rilevante, si chiede l’assessore e con lui i precari? E può avere influenzato in qualche modo la prova agevolando, ad esempio, chi ha svolto i quiz nei giorni successivi?

    E a questo proposito Giuliante fa una serie di rilievi che saranno riportati nell’esposto. Primo: secondo una curva di distribuzione elaborata dal Formez, avrebbero dovuto essere pochissimi i candidati con punteggio massimo. “Ciò è vero- afferma l’assessore- il primo giorno. Nessuno dei 501 candidati ottiene 70 su 70, indovina cioè tutte e 70 le risposte. Ma le cose cambiano man mano che la prova va avanti. Al test per l’assunzione al ministero, ad esempio, sono 63 i candidati con punteggio pieno su 141, ossia quasi uno su due, e gli altri ottengono egualmente buoni punteggi.

    Di qui il sospetto che i book trafugati dalla sede d’esame siano serviti ad altri candidati prepararsi meglio a casa”. Ma come sono stati fatti i controlli?  “Si poteva- afferma Giuliante- ritirare il book azzurro insieme al foglio con le risposte. A quel punto sarebbe stato impossibile portarlo via. Oppure cambiare il colore della copertina del libro. Il giorno successivo sarebbe stato impossibile utilizzare sottobanco il book azzurro, se la copertina fosse stata, ad esempio, di colore verde. E ancora: i 70 quiz delle prove non sono stati estratti dai 4.000 della banca dati singolarmente, ma si è proceduto individuando tre griglie da 70 quiz ciascuna ed estraendone poi una. E’ questa la totale trasparenza di cui s’parlato?

    Alla fine è stato chiesto a Giuliante come mai questi ultimi episodi siano passati sotto silenzio: nessun intervento a certi livelli, nessuna protesta se non quella dei precari che si accingono a presentare un esposto. “Non lo so- ha risposto- So soltanto che il maggior numero dei candidati che ha superato la preselezione figura tra i precari del Comune dell’Aquila e del Ministero”

    MpL Comunicazione @ 11:24
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com