• Calendario/Archivio

  • dicembre: 2019
    L M M G V S D
    « Nov    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  
    Giorgio De Matteis: il programma/8

    Posted on mercoledì 4 aprile 2012

    MOBILITA’

    Il sisma del 6 aprile2009 hastravolto completamente l’armatura urbana della città.

    Il nuovo assetto dell’Aquila con il conseguente trasferimento della popolazione verso la periferia e i Comuni limitrofi ha determinato nuovi flussi di traffico sulle arterie stradali principali e secondarie stravolgendo la viabilità cittadina. Il banco di prova più importante per la nuova amministrazione comunale sarà quello della mobilità e dei trasporti .

    Urge rivisitare e potenziare l’intera offerta trasportistica per fornire un servizio di qualità al cittadino, che sappia nel contempo integrarsi con la nuova dimensione e adeguarsi alle continue trasformazioni che la città subirà durante la fase della ricostruzione pesante.

    Particolare attenzione dovrà essere rivolta alla regolamentazione del traffico dei mezzi pesanti  che aumenterà notevolmente nei prossimi mesi, attivando misure concrete quale quella della possibilità per le autovetture di viaggiare gratuitamente lungo il tratto autostradale L’Aquila Est-L’Aquila Ovest.

    L’Aquila è tra le città con un consumo procapite di carburante tra i più alti d’Italia proprio a causa dell’attuale configurazione di città-territorio con i nuovi insediamenti abitativi del progetto CASE  e gli insediamenti MAP; è importante, pertanto, porre in essere tutte le azioni finalizzate a ridurre l’uso delle autovetture private. Proprio per questi motivi un sistema di trasporto di qualità e efficiente è fondamentale per il futuro della mobilità cittadina.

    E’ necessario, quindi, incrementare la domanda di trasporto pubblico attraverso una serie di azioni di seguito specificate:

    migliorare la rete dei servizi con interventi infrastrutturali ivi compresa la realizzazione di importanti nodi di scambio gomma-ferro. Un esempio, la riqualificazione dell’area della stazione ferroviaria con la realizzazione di un’area di scambio, che vede già una voce di finanziamento nei fondi FAS;

    riorganizzare ex novo tutto il servizio del trasporto urbano del comune, partendo dalle cose più basilari quali l’affissione dell’orario degli autobus nelle fermate, la realizzazione di pensiline e di un nuovo terminale bus nella zona di Piazza d’Armi per bus urbani e extraurbani, in prossimità del parcheggio delle vetture;

    incrementare l’informatizzazione del servizio attraverso misure quali bigliettazione a bordo, informazioni on line;

    accelerare la realizzazione del progetto della metropolitana leggera, che prevede un uso intensivo del treno tra le stazioni di Sassa e Onna-S.Gregorio, migliorando l’accessibilità lungo la principale direttrice della città. L’intervento si concretizza nel potenziamento della tratta attraverso la realizzazione di quattro nuove fermate: Sassa NSI-Aquilone-Bazzano-S.Gregorio, comprensive di viabilità di accesso e parcheggio di scambio gomma-ferro, nonché la necessaria soppressione di 14 passaggi a livello e delle necessarie opere stradali per l’eliminazione delle interferenze di questi passaggi a livello con la parallela SS.17; l’intensificazione dell’esercizio ferroviario sulla relazione S.Gregorio-Paganica-L’Aquila-Sassa. Tale intervento consentirà la realizzazione di un sistema integrato tra la mobilità privata e il trasporto pubblico su ferro e gomma con l’interscambio previsto nei parcheggi posti a ridosso delle fermate ferroviarie;

    riorganizzare completamente l’intero sistema di gestione del servizio scuolabus creando un servizio fruibile a tutti e soprattutto di supporto alle famiglie e istituire un servizio a chiamata per gli anziani;

    sostenere forme di incentivazione del trasporto degli universitari come quelle già realizzate dalla struttura commissariale dopo il sisma con il trasporto gratuito.

    In questo contesto è necessario definire la annosa vicenda della metropolitana di superficie cercando di ottimizzare al massimo il lavoro fatto, ma procedendo immediatamente alla copertura dei binari (con speciale materiale) realizzati lungo le strade cittadine sempre più spesso causa di incidenti anche molti gravi.

    Inoltre, il Comune di concerto conla Regionedovrà adeguarsi affinché vengano incrementate le attività e i programmi relativi al potenziamento dei collegamenti tra L’Aquila e Roma. In particolare attraverso la realizzazione a Lunghezza di un’area di scambio dei bus extraurbani con la rete ferroviaria di collegamento con Roma (finanziata già con i fondi FAS). Nonché, prevedere la realizzazione del secondo binario da Guidonia a Carsoli in modo da servire da hub ferroviario a tutto l’Abruzzo e parte del Lazio. Tale collegamento è strategico per lo sviluppo e l’integrazione del vasto territorio Aquilano, rimasto per troppo tempo isolato.

    Nell’ambito del Piano della mobilità va dedicata una specifica e puntuale attenzione alla mobilità pedonale nel centro storico, nelle periferie, nelle frazioni, nelle aree verdi, coniugata al rispetto della accessibilità per i diversamente abili.

    L’aeroporto dei Parchi a Preturo rappresenta un punto fermo per lo sviluppo turistico e produttivo delle zone interne, ma questo va fatto in sinergia con l’aeroporto internazionale d’Abruzzo, mettendo in rete i servizi, in una logica di integrazione. L’aeroporto dei Parchi può diventare un importante snodo aereo nei settori strategici quale quelli della protezione civile, del monitoraggio delle risorse forestali e del servizio di eliambulanza, come può rivelarsi importante per il traffico commerciale, in sintonia con la strategia regionale e centro-meridionale del trasporto aereo.

    MpL Comunicazione @ 16:09
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *