• Calendario/Archivio

  • novembre: 2020
    L M M G V S D
    « Ott    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  
    Giochi 2009, addio

    Posted on giovedì 29 giugno 2006

    tra messaggi cifrati e guerre intestine, i Giochi del Mediterraneo … affogano

    Dopo le ultime dichiarazioni di Del Turco i Giochi si allontanano a grandi passi. A questo punto, è più probabile che non si facciano con la conseguente pessima figura dell’Abruzzo e della sua classe politica. La vicenda sembra assomigliare sempre più ad una commedia degli equivoci e rasenta ormai il ridicolo. Dopo l’allarme di Giovanni Lolli è intervenuto Del Turco, con le solite sparate polemiche che, ai più, sono apparse un "de profundis" per i Giochi. Che significa l’affermazione delturchiana "io la Regione la tengo fuori"? Fuori da che? Se il fuori è fuori dai Giochi,  Del Turco lo dica chiaramente e … amen.

    Dico subito che quando nel 2003 Aracu&D’Alfonso comunicarono all’Abruzzo la possibilità di ospitare i Giochi del Mediterraneo 2009, fui favorevole alla cosa ed intervenni in tal senso su stampa e TV.  Favorevole lo sono ancora oggi, a due condizioni: che il costo dei Giochi si mantenga nell’ambito dell’ipotesi originaria (circa 60mln di euro, dei quali il 50% a carico dello Stato) e che i benefici si diffondano sull’intero Abruzzo, e non solo su Pescara.  A queste condizioni, il significato dei Giochi potrebbe essere importante. Mettere l’Abruzzo al centro delle relazioni internazionali, realizzando un salto di qualità  dell’economia e del sistema di rapporti  istituzionali sviluppati dalla Regione.  Inserire l’Abruzzo nelle politiche dell’Unione, che mirano a promuovere una nuova centralità del Mediterraneo e   la creazione di una rete della comunicazione funzionale al grande disegno europeo della futura espansione dei traffici commerciali verso l’Asia. Rafforzare l’economia regionale grazie alla realizzazione delle infrastrutture e dei servizi di supporto alla realizzazione della complessa macchina logistica dei Giochi.  Migliorare la competitività del sistema produttivo regionale, grazie agli investimenti diretti ed indiretti “movimentati” dai giochi.

    Le Olimpiadi del Mediterraneo – ormai quasi sfumate – avrebbero avuto per l’Abruzzo un grande significato, per l’impatto sistemico e rilevante sull’economia regionale.  Certo molti saranno contenti di questa grande occasione quasi perduta. Sarà contento il partito del no a tutti i costi, purtroppo sempre più forte,  del no alle infrastrutture, del no alla messa in sicurezza dei laboratori del Gran sasso, del no alla SS17, del  no alle opere pubbliche.  Speriamo che la grande occasione delle Olimpiadi del Mediterraneo, soprattutto significativa per quanto potrà mobilitare oltre agli investimenti diretti,  possa far ravvedere almeno una parte degli aderenti al “partito del no”, nell’auspicio di un confronto per quanto possibile bipartisan su nuove idee e su nuove  ipotesi di sviluppo. Ma non siamo ottimisti.  Altre regioni avranno probabilmente l’onore e l’onere di organizzare le Olimpiadi del Mare nostrum, e potranno godere dei relativi "profitti", se non altro di immagine.
    A noi resta la brutta figura, una specialità della politica regionale.

    Piero Carducci

    MpL Comunicazione @ 07:26
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com