• Calendario/Archivio

  • agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
    Cialentate

    Posted on martedì 14 ottobre 2008

    La Questione della piscina, dove è stato impedito l’ingresso ai rappresentanti dei club di nuoto, sta diventando una barzelletta, purtroppo di quelle che non fanno ridere. E’ l’ennesima barzelletta o l’ennesima “cialentata” prodotta da un Sindaco e da una Giunta che sono letteralmente inadeguati al concetto di amministrare, figuriamoci poi un capoluogo di regione.

    La gestione dell’ appalto della piscina, disastroso al punto da aver prodotto lo stato attuale, è una delle pochissime delibere di questa amministrazione; spesso  lamento la pochezza in termini quantitativi del lavoro prodotto dal Sindaco, ma se questo è quel che si sa fare, forse è meglio così; meglio che  continui a non fare nulla, dato che quel poco che  fa, lo  fa contro la logica e l’interesse della città.

    Eppure fare una gara d’appalto per  gestire una piscina comunale, farla bene, farla in maniera che gli aquilani possano usufruire di questo minimo servizio che peraltro è a pagamento, non è mica affare così complicato! Figuriamoci quando e se si dovrà pensare al piano regolatore, quando e se si avrà la fortuna che l’amministrazione affronti la questione della metropolitana, insomma, figuriamoci quando gli argomenti saranno complicati endemicamente, cosa saranno capaci di produrre gli attuali male-amministratori della città.

    Ricapitolando, dall’inizio del mandato, Cialente e i “cialenterati” hanno prodotto:

    1) Disastro della piscina.

    2)  Approvazione di nuove case popolari ghettizzate e concepite col gusto del brutto  (come se ci fosse una legge per cui l’edilizia popolare debba per forza essere brutta e decadente), per giunta costruite eliminando zone verdi.

    3) 10 Assessori e non 8 come aveva spergiurato di fare.

    4) Liti continue tra i Consiglieri di maggioranza,  avendo il Sindaco per primo, instaurato un modo di rapportarsi ad-personam con i singoli Consiglieri, senza un progetto comune,  nelle chiuse stanze dei suoi uffici dove ha promesso soddisfazioni piccole e personali ai suoi , pur di tenerseli stretti.

    5) Introduzione del concetto comunista della colpa della proprietà privata, attraverso l’aumento, anche il raddoppio, dell’ ICI   sui terreni edificabili con il lotto minimo, perché  evidentemente è diventata una colpa l’ aver un terreno edificabile, anche piccolo, magari tenuto buono per  costruirsi il sogno di una piccola casa.

    Nulla  di più  in un anno e mezzo, a parte il solito fiume in piena di proclami sempre al futuro, senza poter dire una sola volta e di una qualunque cosa :” è stata fatta”.

    Speriamo che al bravo Consigliere Colonna, che ha preso atto di questa situazione, seguano altri, in maniera da farla finita al più presto con questa amministrazione, che senza dubbio, è oramai da definire la peggiore che si ricordi in città.

    Ancora scusa ai 650 amici che , con me, hanno votato Cialente; non mi bastano le parole per scusarmi dell’errore in cui li ho indotti, seppur in buona fede, avendo creduto invano in un rinnovamento e in una nuova primavera per L’Aquila che davvero non è mai iniziata.

    Enrico Verini

    MpL Comunicazione @ 19:18
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com