• Calendario/Archivio

  • aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  
    Dpefr, Chiodi

    Posted on domenica 1 marzo 2009

    ”Ci troviamo a vivere due situazioni di crisi: una nazionale ed internazionale, l’altra strettamente locale. Ma i due ambiti si intersecano e si condizionano. Tutti sappiamo che il deficit sanitario assorbe oltre l’85 per cento del bilancio regionale. Cio’ significa che nostre risorse da investire nel territorio non ce ne sono. L’unica strada da percorrere per lo sviluppo sono gli investimenti comunitari e nazionali veicolati attraverso la Regione (Fas, Fse e Fesr)”. E’ stato chiaro Gianni Chiodi  rivolgendosi alle parti sociali e sindacali prima, ai presidenti di Provincia ed ai sindaci delle citta’ capoluogo poi, nel doppio incontro, di venerdì scorso all’Aquila,  convocato per chiudere il discorso Dpefr (Documento di programmazione economico finanziario regionale) e bilancio, da approvare in Consiglio entro la fine di marzo.

    L’assessore Masci, in questo primo tavolo aperto dell’era Chiodi, ha illustrato ai presenti numeri e modalita’ di intervento: 811 milioni di euro di fondi Fas (Fondi per le aree sottoutilizzate), con possibile incremento fino a 850 dopo il 2011; un miliardo e 600 milioni di euro tra Fondo sociale europeo e Fesr nei prossimi 6 anni; un totale di piu’ di 2 miliardi e 400 milioni di euro da dedicare allo sviluppo, tenendo altresi’ conto dei progetti non ancora completati. ”Riteniamo – ha spiegato Masci – che la cifra a nostra disposizione sia consistente o quantomeno sufficiente per poter tamponare le sacche di maggior criticita’. Al momento, il Governo nazionale sta fronteggiando la crisi aumentando la spesa pubblica, diminuendo gli onere sociali, sostenendo categorie di imprese e famiglie. Noi, purtroppo, complice la situazione ereditata, non abbiamo ampi margini d’azione – ha proseguito l’assessore al Bilancio – Non possiamo alleggerire le imposte, ne’ decidere degli oneri sociali. Possiamo, e dobbiamo, pero’ assumere tutte le misure utili per elevare investimenti e sostenere aziende e famiglie”. Masci ha ribadito la politica di ”rigore” cui e’ chiamata l’intera regione. ”Non abbiamo piu’ possibilita’ ne’ di incrementare il nostro debito, di 2 miliardi e 900 milioni di euro, ne’ di prolungarlo. L’unica strada percorribile, accanto all’Europa, e’ quella di eliminare gli sprechi negli enti strumentali e partecipati, di stoppare i finanziamenti a pioggia, di attivare politiche di confronto e condivisione col partenariato per affrontare la crisi contingente ma anche quella a piu’ lungo termine”. E’ stato, quello dell’Aquila, il primo faccia a faccia sul Par-Fas (Programma attuativo regionale), utile a definire, proprio col contributo del partenariato, il riparto delle risorse tra le 9 priorita’ del Qsn e gli obiettivi operativi. Rinviata a successive riunioni l’indicazione delle linee di azione e delle azioni-cardine, alle quali andra’ almeno il 60 per cento delle risorse Fas 2007/2013. L’assessore Masci ha sottolineato piu’ volte la ristrettezza dei tempi in cui si e’ costretti ad operare e la rigidita’ dei vincoli giuridici ”che ci impongono – ha concluso l’assessore al Bilancio – la necessita’ di programmare in modo fortemente integrato le risorse derivanti da Fas e programmi comunitari. Obiettivo: sostenere quelle attivita’ che le entrate ordinarie non consentono piu’ di finanziare”.

    MpL Comunicazione @ 13:28
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com