• Calendario/Archivio

  • agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
    Dibattito sisma

    Posted on venerdì 5 giugno 2009

    Un vertice con il vice presidente del consiglio regionale Giorgio De Matteis per fare il punto della situazione ed ascoltare la voce del territorio. Organizzato dal presidente della comunità montana Sirentina Giuseppe Venta, ha visto la partecipazione di diversi amministratori locali. Sul piatto, tante questione come l’esclusione dei paesi di Secinaro, Fontecchio e Molina Aterno dal cosiddetto cratere sismico, l’emergenze liquidità in cui versa la comunità montana con annessi servizi sociali, il rilancio del turismo, sino alle modalità operative della ricostruzione. Un De Matteis a tutto campo che ha risposto agli astanti non disdegnando critiche alle operazioni di ricostruzione. Due i temi centrali, il rischio che passata l’emergenza tutto cada nel dimenticatoio e la condanna delle casette. “Bisogna considerare il sisma dell’Abruzzo come una tragedia con particolarità proprie. Non era mai successo in nessun sisma precedente che un capoluogo di regione, con oltre 70 mila abitanti, venga distrutto. Su questo”. Ha spiegato il vice presidente “Dobbiamo avere un idea chiara, altrimenti rischiamo di passare in secondo piano non appena diminuisce l’emergenza. Inoltre, con i moduli abitativi delle casette, non ricostruiamo L’Aquila ma una città senza anima, fatta su basi di cemento, per 60 ettari più altri 40, dove realizzare i servizi. Una scelta fatta troppo a cuor leggero dal sindaco e dal presidente, senza tener conto dell’effettiva capacità ricettiva. In pratica” continua “Si va creare qualcosa che oltre anon avere una cultura, potrebbe essere insufficiente per accontentare tutti gli abitanti sfollati”. Successivamente De Matteis ha ribadito che la zona franca urbana è un progetto difficile da realizzare mentre si potrebbero ottenere dei sicuri risultati con i fondi legati alle normativa comunitaria 87.3/b e con i Por. Questi una volta ottenuti potrebbero essere utili anche per i paesi esclusi dal cratere e per incentivare il turismo, soprattutto nella zona dell’altopiano delle rocche che all’oggi vede un calo vertiginoso di prenotazioni ed un aumento di disdette. Mentre per i servizi sociali e per rimpinguare le casse della comunità montana Sirentina si dovrà attendere la variazione di Bilancio. Al vertice hanno preso parte il presidente del parco regionale Sirente Velino Nazareno Fidanza, il sindaco di Secinaro Colantoni Giuseppe, di Fontecchio Fiorangelo Benedetti, Carmine Amorosi di Castelvecchio Subequo, Cinzia Carlone di castel Di Ieri, Americo Di Benedetto di Acciano e Agostino Petriglia di Galiano a fare da moderatore Pasquale Casale.
    Federico Cifani (www.rete5tv.tv)

    MpL Comunicazione @ 12:46
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com