• Calendario/Archivio

  • agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
    Dezio, un problema serissimo…

    Posted on giovedì 15 maggio 2008

    Partiamo da un principio, che per noi, da sempre garantisti nei confronti dei cittadini senza se e senza ma, che le responsabilità penali sono personali. Detto questo però ci deve essere un significato se tutti i quotidiani nel riportare mercoledì la notizia dell’arresto di Guido Dezio, dirigente del Comune di Pescara, lo hanno identificato nei titoli come “il braccio destro del sindaco D’Alfonso”. Addirittura Il Centro, che è il giornale più diffuso in Abruzzo, non ha messo in risalto nemmeno il nome. Nel titolo a tutta pagina, ovviamente nella prima, infatti si leggeva solo “Arrestato il braccio destro di D’Alfonso”. Qual è questo significato? Che sotto accusa una volta di più finisce un “modo” di proporre la politica, che peraltro sa di già visto. Ci riporta alla tanto vituperata prima repubblica, dove la richiesta di “contributi”, anche per cause che si cerca di far passare in qualche modo come “nobili” (pensate: si trattava di salvare il Pescara calcio!), era all’ordine del giorno e, prima della esplosione di tangentopoli, nessuno si scandalizzava, anzi nessuno ci faceva nemmeno caso. Ovviamente aspettiamo che l’inchiesta si evolva per capire bene le cose. Al momento l’indagato è Dezio e solo lui per quel giro sospetto di assegni, ma una spiegazione convincente su quello che è emerso per la questione dei certificati anagrafici rilasciati senza il pagamento dei diritti di ufficio, certificati che sono serviti per tesseramenti a partiti politici, evidentemente irregolari, il mondo politico a cui il dirigente arrestato appartiene non può esimersi dal darla. Nessuna strumentalizzazione o speculazione, e il garantismo come sempre è la nostra scelta, ma la necessità di chiarire questa ombra pesantissima che grava sul comune di Pescara la consideriamo un dovere per il sindaco D’Alfonso e la sua giunta. Per il resto saranno le indagini e i magistrati a controllare ed ad agire per far rispettare le leggi, qualora risultasse che siano state infrante. Deve essere chiaro però che la politica non può limitarsi a generiche attestazioni di fiducia ai magistrati e rimanere in silenzio in attesa. Ha molte cose da dire e da chiarire in questa brutta vicenda: lo faccia al più presto.

    MpL Comunicazione @ 12:39
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com