• Calendario/Archivio

  • dicembre: 2019
    L M M G V S D
    « Nov    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  
    Del Turco in salita

    Posted on venerdì 30 novembre 2007

    Forse è arrivato il momento di dare piena ragione al presidente della Regione Ottaviano Del Turco quando lamenta che la strada per riformare davvero le cose in Abruzzo è resa impervia da resistenze che nascono anche dove non dovrebbero esistere. Una situazione di cui si è avuta dimostrazione nell’ultima seduta del consiglio regionale quando Del Turco ha dovuto bacchettare i consiglieri, compresi quelli della sua maggioranza, per un emendamento di diversi milioni di euro presentati per la variazione di bilancio. “Se c’è un provvedimento di proposta di legge che anche solo lontanamente somiglia alla legge Omnibus, io voto contro” ricordiamo che ha detto a muso duro il presidente, rivolgendosi anche alla sua parte politica. Ha anche spiegato che il suo diniego “a misure del genere” nasce dal fatto che è sua intenzione “vivere in una regione dove gli amministratori possano camminare a testa alta”. Alla fine ha vinto ancora una volta la sua battaglia perché l’emendamento, come è noto, che prevedeva interventi di assegnazione di risorse finanziarie per oltre 12,5 milioni di euro è stato ritirato, ma è indubbio che l’episodio abbia procurato ulteriori traumi nella coalizione di centro sinistra. Il merito del presidente Del Turco è stato quello di tirare diritto senza concedere nulla a tentativi di forzare la mano per riproporre un modo di amministrare che continua a bollare in ogni occasione, fatto di clientelismi e di tutela di particolari orti, a dispetto degli interessi generali. Preoccupa però che la maggioranza continui ad arrivare in ordine sparso in ogni occasione all’appuntamento dell’assemblea regionale e ancora di più che proceda con tentativi più o meno palesi di inciuci ed imboscate. Brutta cosa, anche questa accaduta nell’ultimo consiglio, che orà per forza di cose avere un seguito (l’ha chiesto esplicitamente il capogruppo degli ex Democratici di sinistra, comunque ancora presenti in consiglio regionale, Donato Di Matteo) per chiarire tutte le posizioni. A questo punto bisogna capire, prima di pensare al “camminare con la testa alta”, se la maggioranza vuole andare avanti rispettando le condizioni poste fin dall’inizio dal presidente Ottaviano Del Turco oppure se vuole autodistruggersi con atteggiamenti di puro autolesionismo, come quelli visti nella ultima occasione. E’ ora davvero di chiarire soprattutto questo aspetto delle cose.
    Gino Di Tizio

    MpL Comunicazione @ 17:41
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *