• Calendario/Archivio

  • aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  
    De Matteis a Cialente: basta con le cialtronate

    Posted on lunedì 23 aprile 2012

    L’ultima cialentata ha fatto infuriare il candidato sindaco della coalizione L’Aquila Città Aperta, Giorgio De Matteis. La promessa di Cialente di avviare la ricostruzione del centro storico nel 2013 è una “bufala” talmente incredibile da meritare una risposta immediata.  “Siamo di fronte alla follia di un’amministrazione cialtrona che anche negli ultimi giorni di vita continua a prendere in giro gli aquilani su un piano di ricostruzione vuoto, che fa solo manutenzione straordinaria e semplicemente non esiste. Va completamente rivisto”.Giorgio De Matteis attacca duramente il  piano di ricostruzione farlocco di Cialente sotto tutti i profili: urbanistico, economico, normativo. Non è un piano di ricostruzione, dice De Matteis, ma un pezzo di carta  privo di “una visione strategica della città, pieno di omissioni e di rinvii e  che non rimette insieme il tessuto territoriale di un comprensorio disperso”.

    Dopo aver perso inutilmente più di due anni a sostenere che il piano di ricostruzione non serviva, il sindaco uscente ha deciso di produrne uno in tutta fretta, pieno di omissis, stralci e rinvii, prima dello scioglimento del Consiglio comunale, senza avviare alcun tipo di consultazione e senza tener conto delle osservazioni degli ordini professionali. Durante la conferenza stampa che si è tenuta questa mattina, De Matteis ha mostrato una serie di documenti che dimostrano la lacunosità e l’approssimazione con la quale Cialente ha prodotto questo fondamentale strumento per la ricostruzione, ad oggi inefficace.  “Nel documento dell’Ordine degli Architetti – ha spiegato con un esempio De Matteis – si dice che la tempistica con cui è stato elaborato, non ha giovato alla qualità del piano e che questo sostanzialmente sancisce il ‘tutto com’era e dov’era’, senza un nuovo disegno della città. L’amministrazione non ha tenuto conto di queste osservazioni. Se il progetto, costato ben 1,4 milioni di euro in consulenze agli esperti, fosse adeguato, inoltre, perché si dovrebbe partire a fine 2013, come ha detto Cialente?”.

    Riguardo quanto dichiarato dall’assessore comunale alla Ricostruzione Piero Di Stefano,ovvero che anche senza l’Intesa sul piano del commissario andranno avanti ugualmente, Gdm ha detto: “L’intesa non si può dare a un piano che non c’è!”.

    Carte alla mano, ha poi ricordato quanto stabilito nel documento del giugno del 2011 del MEF (Ministero dell’Economia), firmato pure dallo stesso sindaco uscente, nel quale si subordinava all’approvazione del piano la concessione di risorse aggiuntive per il rilancio delle attività produttive : “l’amministrazione ha perso questi soldi, decine e decine di milioni di euro, perché il piano è stato presentato quando la finanziaria era già stata fatta”.

    “Noi abbiamo già ripreso in mano questo piano – ha concluso – e lo emenderemo e lo modificheremo, con il concorso degli ordini professionali e delle altre istituzioni, alla luce delle osservazioni fatte. La nostra soluzione è: meno soldi alla filiera, più soldi al Comune, che mandi anche personale nei cantieri per la verifica della qualità dei lavori”.

    “Il sindaco uscente –  aggiunge – ora dice che andrà avanti lo stesso, anche se non ci sarà l’intesa, ma intesa su che? Il piano in fondo è falso, inutile e inapplicabile. Insomma, è un atto vuoto”.

    “La verità è che la giunta uscente è nel tunnel, non sa come uscirne e vuole giustificare quest’ennesima presa in giro. Dica piuttosto l’amministrazione come spiega le 4.329 pratiche della ricostruzione pesante ancora bloccate nei suoi uffici”.

    “Se saremo eletti, dovremo mettere a posto tutte queste cose e già ci stiamo lavorando.  “Basta con le bugie e basta con le chiacchiere. È ora che Cialente e i suoi sodali se ne vadano a casa”.

    MpL Comunicazione @ 22:37
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com